WHATSAPP: 349 88 18 870

Morte Raciti, supplica al presidente Mattarella per la grazia a Speziale

L'avvocato Li Pera: "Antonio non ha commesso quel delitto e non intende confessare un omicidio che non ha commesso nemmeno in una richiesta di grazia"

Morte Raciti, supplica al presidente Mattarella per la grazia a Speziale

Concedere la grazia, sua sponte, a Antonino Speziale, che sta scontando 8 anni di carcere per l'omicidio preteritenzionale dell’ispettore capo Filippo Raciti. Lo ha chiesto con una "domanda di supplica" al presidente della Repubblica l’avvocato Giuseppe Lipera, che assiste ultra del Catania ritenuto uno dei due colpevoli del ferimento mortale avvenuto il 2 febbraio del 2007 allo stadio Massimino durante il derby col Palermo.

Per il penalista nei processi, con sentenza passata in giudicato, alcuni «aspetti che provano l’assoluta estraneità ai fatti di Antonino non hanno avuto alcun peso per i giudici». Speziale, ribadisce il legale, «non intende confessare un crimine che non ha commesso» e «non lo farà neppure per avanzare lui stesso una richiesta di clemenza». Per questo l'avvocato nella "domanda di supplica» affida «tutte le speranze al Presidente della Repubblica» affinché, «prendendo a cuore la vicenda di questo ragazzo, possa concedere d’ufficio il provvedimento di clemenza individuale della grazia».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa