home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, fugge dai domiciliari col figlio piccolo e minaccia il suicidio: fermato

Michele Ganci, 25 anni, aveva preso il neonato e si era barricato in un appartamento a Librino: bloccato dopo l'irruzione dalla polizia

Catania, fugge dai domiciliari col figlio piccolo e minaccia il suicidio: fermato

CATANIA - Nella giornata di ieri personale delle Volanti ha arrestato il pregiudicato Michele Gangi, 25 anni, responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari. L’intervento ha avuto inizio a seguito di una segnalazione della convivente del Gangi la quale, telefonando al 113 ha riferito che l'uomo era fuggito da casa portando con se il figlio minore, minacciando il suicidio e la morte del bambino qualora fosse stata avvisata la polizia.

 

A quel punto la Sala operativa ha diramato una nota radio per la ricerca del Gangi e del bambino. Le ricerche effettuate da due Volanti nel rione Librino hanno condotto gli agenti a rintracciare, in viale Castagnola, l’auto dell’uomo: lo stesso è stato individuato all’interno di uno stabile al civico 3, mentre fuggendo alla vista degli agenti, stava barricandosi all’interno di un appartamento.

 

Dopo una trattativa che gli operatori hanno instaurato con l’uomo, che si trovava in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto con tutta probabilità all’uso di stupefacenti, temendo che potesse commettere un insano gesto, i poliziotti hanno fatto irruzione nell’appartamento riuscendo a bloccare l’uomo e a mettere in sicurezza il neonato. Il Gangi, su disposizione del pm di turno, è stato rinchiuso nella Casa Circondariale di Piazza Lanza.

 

 

 

Catania 22/01/2017


Visto:

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa