home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Diletta Leotta e il cyberbullismo, la giornalista catanese ha colto nel segno

Polemica sui social per la sua mise. Maria De Filippi la difende: «La minigonna giustifica gli stupri?»

Diletta Leotta e il cyberbullismo, la giornalista catanese ha colto nel segno

Il motivo? Il suo abito rosso con corpetto strizzato corto e gonna con uno spacco che metteva bene in vista le gambe non considerato consono al messaggio contro il bullismo digitale che stava portando all'Ariston.

La 25enne siciliana, ex signorina del meteo di SkyTg24 e oggi volto della Serie B di Sky Sport, è stata invitata da Carlo Conti per parlare per parlare di cyber-bullismo e della violazione della privacy, di cui lei stessa è stata vittima denunciando il fatto. Quest'estate, infatti, alcune foto hard hackerate dal suo telefonino sono state pubblicate in rete. Diletta, cresciuta lavorativamente ad Antenna Sicilia, ha invitato a «denunciare» e a «non aver paura». Peccato, però, che la sua mise e il suo atteggiamento sia stato considerato da alcuni troppo ammiccante per un messaggio serio come quello contro il bullismo. Questo ha scatenato gli haters che nell'anonimato della rete trovano l'habitat ideale per sfogare le proprie frustrazioni.

Tra i messaggi postati in rete è saltato subito all'occhio salendo sugli scudi quello della conduttrice di “Detto Fatto”, Caterina Balivo. «Non puoi parlare della violazione della #privacy con quel vestito e con la mano che cerca di allargare lo spacco della gonna», ha twittato la conduttrice che ha continuato la sua serata andando pesante anche con Ricky Martin. In un video postato durante l'esibizione del superospite, e poi rimosso dal suo account Instagram, che si concludeva con «Ricky sei bono anche se sei frocio».

Gli attacchi (non solo da haters) arrivati poi, anche nei confronti della Balivo, hanno costretto la conduttrice Rai a porgere le sue scuse. «Un tweet infelice - ha fatto sapere -. Ho espresso un giudizio sull'atteggiamento, me ne dispiace: non sono nessuno per giudicare un atteggiamento di un'altra donna. Se ho offeso qualcuno mea culpa».

A ribattere agli attacchi contro Diletta Leotta è intervenuta direttamente Maria De Filippi. «Magari c'era qualche problema pregresso- ha detto - In ogni caso nel 2017 mi vesto come mi pare. Concentrarsi sull'abito e non sul suo messaggio è come dire che è giusto che ti violentino perché hai la minigonna. Non diamo spazio a queste polemiche: è come tornare indietro nel tempo». Anche Carlo Conti ha preso le parti della Leotta. «Ha detto ciò che doveva dire nel modo giusto», ha detto chiudendo l'incidente. Nessun commento, invece, da parte dell'interessata che, già da prima dell'accadimento, aveva deciso di non rilasciare interviste.

Anche se non direttamente legate al caso Leotta, di donne e di un cambio di atteggiamento necessario nella società hanno parlato Paola Turci e Maurizio Crozza, che si è comportato da vero paladino del ruolo della donna. Nel suo intervento il comico genovese ha invitato a trasformare il «Festival della Canzone in quello della Procreazione» e all'invocazione «speriamo che sia femmina» ha ricordato come in Italia la condizione delle donne madre e lavoratrici sia l'ultimo pensiero dello Stato «che è maschio. In Italia assumere una donna in gravidanza è come se Trump limonasse con un messicano».

«Ho scritto Fatti bella per te per me stessa - ha detto invece Paola Turci sul suo pezzo sanremese -. E anche se non voglio lanciare messaggi di sorta, la mia speranza è che ascoltando la mia canzone le donne comincino ad amarsi di più senza più essere in balia del giudizio degli altri. Dipendere dal giudizio degli altri ci rende vittime, bisogna anteporre il nostro pensiero. Oggi la superficialità ha preso il sopravvento, e bisogna stare molto attenti a non rimanere foglie al vento senza un ramo cui ancorarci».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa