home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Meningite, anche Procura di Catania indaga sulla psicosi vaccini

Aperto un fascicolo dopo la denuncia del Codacons sull'anomala corsa ai medicinali non dettata da un reale aumento delle infezioni

Meningite, paura e dubbi per il caso di Piazza Armerina

CATANIA - La Procura della Repubblica di Catania ha aperto un fascicolo conoscitivo dopo un esposto del Codacons sull'allarme meningite scoppiato nelle ultime settimane in Italia. Ne dà notizia l’associazione dei consumatori, che lo scorso 14 gennaio aveva presentato una denuncia a diverse Procure italiane ipotizzando i reati di procurato allarme e abuso di atti d’ufficio. «La Procura di Catania - spiega il Codacons - ha deciso di vederci chiaro sullo sconsiderato allarme meningite diffusosi nelle scorse settimane che ha portato ad una abnorme corsa ai vaccini a tutto vantaggio delle aziende farmaceutiche, chiedendo alla Polizia di Stato di acquisire la relativa documentazione».


Nella sua denuncia il Codacons sosteneva che «pur essendo i numeri sull'incidenza della malattia pienamente nella norma, si è scatenata una corsa ai vaccini che determina non solo spese a carico dei cittadini per decine di milioni di euro, ma anche palesi discriminazioni tra utenti a seconda della zona di residenza».


«A seguito del clamore suscitato dai casi censiti in varie regioni italiane - aveva continuato il Codacons - la corsa spesso ingiustificata al vaccino anti-meningite ha fatto più che raddoppiare il numero delle dosi fornite alle Asl sul territorio nazionale facendo registrare un +130% nello scorso mese di dicembre almeno da quanto sembrerebbe riportato da tutti i media, stampa e siti web».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO