home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Mascalucia, rubati oltre ottanta computer al Liceo

Irruzione nella notte tra domenica e lunedì al classico e scientifico "Concetto Marchesi"

Mascalucia, rubati oltre ottanta computer al Liceo

Scuole nel mirino dei ladri, al punto che è legittimo essere portati a pensare all’esistenza di una vera e propria banda specializzata in questo tipo di furti.

L’ultimo in ordine di tempo è stato consumato nella notte tra domenica e lunedì scorsi ai danni del plesso di via Case Nuove, che ospita il liceo classico e scientifico “Concetto Marchesi” di Mascalucia.

Qui i ladri sono entrati, scassinando la porta principale d’ingresso dell’istituto. Un colpo commesso in tutta tranquillità evidentemente, dal momento che gli autori hanno avuto tutto il tempo di prendere e caricare più di 80 computer portatili della scuola, per un valore complessivo di oltre 100mila euro, e portarseli via.

Lunedì mattina la scoperta di quanto accaduto, quando il personale della scuola, entrando nell’edificio, ha scoperto che il portone era già aperto, ed entrando ha trovato tutto a soqquadro.

Subito sono stati chiamati i carabinieri per formalizzare la denuncia e per i rilievi del caso.

Chi ha agito è andato sicuramente a colpo sicuro, distruggendo anche gli armadi dove erano custoditi molti computer. Un colpo ben studiato, messo in atto probabilmente da chi conosce bene l’istituto e, soprattutto, sa di quanto dispone.

Un danno notevole per la scuola, e un episodio particolarmente inquietante, perché si ricollega ad altri casi analoghi avvenuti nell’arco dell’anno in altri istituti scolastici di Mascalucia.

«Siamo molto amareggiati - ha commentato il sindaco di Mascalucia, Giovanni Leonardi, dopo avere appreso la notizia - in quanto nel giro di un anno le nostre scuole sono state prese di mira diverse volte. Peraltro, in quei pc sono contenuti dati e documenti che raccolgono anni di lavoro dei ragazzi e dei rispettivi insegnanti. Massima solidarietà al dirigente dell’istituto, Lucia Maria Sciuto. Adesso, confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine per dare un volto e un nome agli autori di tale ignobile azione».

Un caso simile si è verificato lo scorso anno ai danni dell’Istituto comprensivo “Federico II di Svevia”, dove sono stati rubati sette personal computer, di cui uno in dotazione a un ragazzino non vedente. Da quell’episodio anche altre scuole del Comune sono state dotate di impianti anti-intrusione, direttamente collegati con la Tenenza dei Carabinieri. In passato altri istituti sono stati presi di mira, come i plessi di via del Sole, di via Timparello e di via della Regione Siciliana del Comprensivo “Leonardo Da Vinci”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO