home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Proteste e raccolta firme a Torino contro "scippo" Museo Egizio

Un comitato ha già raccolto on line 3500 firme e ha organizzato un piantone di fronte al museo torinese per bloccare il prestito di alcuni pezzi destinati alla sezione distaccata che dovrebbe aprire a Catania

Proteste e raccolta firme a Torino contro "scippo" Museo Egizio

TORINO - Contro «lo scippo dell’Egizio», un comitato recentemente costituitosi ha già raccolto 3.500 firme online e oggi è di piantone di fronte al Museo a Torino. Obiettivo, sensibilizzare i visitatori e raccogliere altre firme per bloccare il progetto del prestito di alcune migliaia di pezzi a Catania, dove il Ministero dei Beni Culturali, la Fondazione Museo Egizio e il Comune punterebbero a creare una sorta di sede distaccata del museo torinese.


«Dire che i pezzi destinati al prestito non sono esposti ma vengono dai magazzini - afferma Carlo Comoli, portavoce del comitato - è arrampicarsi sui vetri, ogni grande museo ha reperti nei depositi. Avallare questa operazione significa creare un precedente pericoloso per tutti i grandi musei italiani. L’Egizio è parte dell’identità di Torino, i suoi tesori devono restare qui. La Sicilia, che trabocca di beni culturali, pensi a valorizzarli anziché scippare quelli altrui».


«Alla sindaca di Torino, Chiara Appendino - aggiunge - chiediamo di bloccare l’operazione e farsi dare i soldi promessi a Catania. Sarebbero meglio spesi all’Egizio, dove 800 mila visitatori sono tanti, ma potrebbero ancora aumentare». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO