home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il sindaco di Bronte al prefetto: "Non possiamo ospitare più di 48 rifugiati"

Graziano Calanna ha chiesto a Silvana Riccio di far rispettare la clausola di salvaguardia stabilita nell'intesa tra l'Anci e il Governo: 2,5 immigrati ogni mille abitanti. La vicenda è scaturita dall'ipotesi di aprire in città tre Sprar per un totale di 85 persone

Il sindaco di Bronte al prefetto: "Non possiamo ospitare più di 48 rifugiati"

BRONTE - «Di essere accoglienti lo abbiamo già dimostrato, ma Bronte non può ospitare più di 48 rifugiati o richiedenti asilo». Lo afferma il sindaco di Bronte Graziano Calanna in una lettera inviata al Prefetto di Catania Silvana Riccio in cui chiede di tenere conto della così detta "clausola di salvaguardia", ovvero l’intesa intesa "Anci-Viminale» che prevede che ogni Comune non possa accogliere più di 2,5 rifugiati per ogni 1.000 abitanti.

«Le scrivo - si legge nella missiva - per rappresentarle la situazione del Comune di Bronte. Allo stato 3 cooperative hanno comunicato che intendono dedicarsi all’accoglienza di stranieri; più nel dettaglio, una cooperativa comunica l’apertura di un Centro di prima accoglienza per 60 minori non accompagnati, un’altra per 15 stranieri e la terza per 10 minori».

«Bronte - continua il primo cittadino - ha da tempo aderito al progetto Sprar ed ospita 22 rifugiati. Nella non temuta ipotesi in cui si bypassasse l’istituto della clausola di salvaguardia, fra qualche mese i richiedenti asilo ospitati nella Comunità brontese potrebbero essere 107, cifra che supererebbe di gran lunga quella che emerge dalla proporzione stabilita dal Ministero dell’Interno (2,5 richiedenti asilo per 1.000 abitanti)».

«Bronte - ribadisce il sindaco - non è idonea sotto il profilo sanitario e di capacità di accoglienza delle nostre istituzioni scolastiche per ospitare un così elevato numero di richiedenti. Fatti i calcoli Bronte non può ospitarne più di 48».

«Bronte - afferma Calanna - ha già dimostrato di essere un Paese accogliente ed ospitale, avendo istituito anni fa lo Sprar che questa Amministrazione intende confermare. Tuttavia la città non può permettersi l’arrivo di ulteriori immigrati». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa