home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Acireale, evade mezzo milione di tasse e la Finanza gli sequestra i beni

Le indagini della Guardia di Finanza di Catania sull’amministratore di una società attiva nel commercio di prodotti igienico-sanitari

Guardia di Finanza: Coop settore pulizie evade 15 milioni a Barcellona Pozzo di Gotto

La Guardia di Finanza di Catania ha sequestrato su disposizione del Gip del Tribunale etneo conti correnti e beni dell’amministratore di una società acese, attiva nel commercio di prodotti igienico-sanitari, che ha evaso 500 mila euro tra imposte dirette e Iva.

Le indagini della Tenenza di Acireale coordinate dalla Procura della Repubblica di Catania hanno accertato che l’impresa, mediante l’utilizzo di fatture che attestavano falsamente il sostenimento di costi per un milione di euro, era riuscita a ridurre in modo considerevole il proprio reddito e quindi la relativa tassazione. I militari, attraverso l’analisi della documentazione sequestrata durante la perquisizione eseguita nel magazzino e nel punto vendita della società, hanno accertato che i servizi di trasporto attestati con tali documenti, in realtà, non erano mai avvenuti e che le fatture erano state emesse da un’impresa di servizi, sempre riconducibile allo stesso nucleo familiare del titolare della societàà, al solo fine di consentire a quest’ultima l’evasione delle imposte. Due persone sono state denunciare per frode fiscale mentre il Gip ha disposto il sequestro preventivo di due appartamenti ubicati ad Aci Sant’Antonio, 2 polizze assicurative e 6 conti correnti, assicurando così all’Erario beni per un valore corrispondente all’imposta evasa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO