home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ucciso perché voleva collaborare, quattro condanne all'ergastolo

La Corte di Assise di Catania ha emesso la sentenza sull'omicidio di Luigi Ilardo: carcere a vita per Piddu Madonia, Vincenzo Santapaola, Maurizio Zuccaro, e Orazio Benedetto Cocimano

Ucciso perché voleva collaborare, quattro condanne all'ergastolo

Ergastolo per tutti e quattro gli imputati. E’ la sentenza emessa dalla Corte d’assise di Catania per l’omicidio di Luigi Ilardo, il cugino del boss Giuseppe Piddu Madonia, assassinato il 10 maggio 1996 nel capoluogo etneo perché, secondo l’accusa, Cosa nostra scoprì che aveva l'intenzione di collaborare con la giustizia, usando il nome in codice Oriente.

La condanna è comminata ai capimafia Giuseppe Madonia e Vincenzo Santapaola, in qualità di mandanti, al boss Maurizio Zuccaro, come organizzatore, e a Orazio Benedetto Cocimano, come esecutore materiale.

All’omicidio avrebbero preso parte anche Maurizio Signorino e Pietro Giuffrida, entrambi poi deceduti. Per lo stesso delitto il 19 maggio del 2014 il Gup di Catania, Sebastiano Fabio Di Giacomo Barbagallo, ha condannato, col rito abbreviato, a 13 anni e quattro mesi di reclusione, il boss pentito Santo La Causa, che aveva organizzato dei sopralluoghi per compiere l'agguato, ma che fu poi bypassato nella commissione del delitto che subì un’improvvisa accelerazione.
Negli atti dell’inchiesta, coordinata dal procuratore Carmelo Carmelo Zuccaro e dal sostituto Pasquale Pacifico, sono confluite anche le dichiarazioni, rese nel 2010, dal collaboratore di giustizia Eugenio Salvatore Sturiale, che era vicino di casa di Ilardo e assistette casualmente ad alcuni appostamenti nei pressi dell’abitazione della vittima e poi all’agguato. Le indagini sono state eseguite dalla squadra mobile della Questura di Catania.
Dell’omicidio Ilardo si è interessata anche la Procura di Palermo nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta mancata cattura nel 1995 del boss Bernardo Provenzano, arrestato nel 2006.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa