home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Fiumefreddo, «Mamma butta tutto, ci sono i carabinieri con papà»

E' stata una ragazzina di 11 anni a suggerire alla madre, con una telefonata sul cellulare, a disfarsi di cocaina ed eroina subito dopo essere stata con il padre in caserma per l'obbligo di firma

Niscemi, impiegati catanesi simulano rapina per intascarela somma di 2500 euro

Fiumefreddo (Catania)  – «Mamma butta tutto, ci sono i carabinieri con papà». E' una ragazzina di 11 anni a lanciare l'accorato appello alla madre, dopo che il padre, un 42nne di Fiumefreddo, è stato arrestato dai Carabinieri della locale Stazione. I militari hanno arrestato l'uomo per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti contestandogli altresì la “determinazione al reato di persona non imputabile”, illecito per cui è stata denunciata anche la convivente di 38 anni.

A seguito di attività info-investigativa, i carabinieri avevano già deciso di perquisire l’abitazione dell’uomo, tanto da far intervenire a supporto l’unità cinofila antidroga del Nucleo di Nicolosi. Approfittando dell’obbligo di firma cui era sottoposto lo hanno aspettato in caserma. L'uomo si è presentato con in macchina la figlia 11enne che, dopo l’adempimento doveva essere accompagnata a scuola. Alcuni militari hanno quindi raggiunto la sua abitazione trovando in casa la convivente mentre gli altri si “assicuravano” che il padre accompagnasse la figlioletta a scuola. Lasciata la ragazzina a scuola,  si sono diretti verso l'immobile da perquisire ricevendo, durante il tragitto, la telefonata di uno dei carabinieri presenti nell’abitazione che riferiva che la madre, obbligata a rispondere in viva voce dai militari, aveva ricevuto sul cellulare una chiamata da parte della figlia che recitava testualmente: «Mamma butta tutto ci sono i carabinieri con Papà».

L’esito della perquisizione, grazie al fiuto del pastore tedesco “Auro”, ha dato esito positivo con il rinvenimento e sequestro di una decina di grammi tra cocaina ed eroina, già suddivise in dosi, 90 compresse composte da sostanza utilizzata per il “taglio” della droga, 1 bilancino di precisione nonché del materiale adoperato per confezionare lo stupefacente.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa