home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

L'eruzione dell'Etna vista dallo spazio grazie ad un sistema sviluppato dall'INGV

Sovrapposte le foto ad altissima risoluzione di due satelliti e attraverso sensori ottici a infrarossi si analizza la presenza di aree ad alta temperatura (hot spot) nelle regioni vulcaniche

L'eruzione dell'Etna vista dallo spazio grazie ad un sistema sviluppato dall'INGV

Attraverso le immagini fornite dai satelliti del sistema Copernicus Sentinel2A, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), ha seguito la nuova eruzione dell’Etna grazie ad un sistema che stima, attraverso sensori ottici a infrarossi, la presenza di aree ad alta temperatura (hot spot) nelle regioni vulcaniche.

Il sistema è stato sviluppato nell'ambito delle attività del progetto ESA-GEP (Geohazard Exploitation Platform) ed è stato finanziato dall'Esa, l‘Agenzia Spaziale Europea.

GUARDA LE FOTO

L’ESA GEP attualmente in fase di test operativo su un selezionato numero di vulcani attivi, ha permesso per la prima volta di poter seguire la recente eruzione dell’Etna, utilizzando immagini alla risoluzione spaziale di 20 metri.

“Il progetto ESA_GEP – ha spiegato Malvina Silvestri, tecnologo dell’INGV - ha generato informazioni sulla geometria dei flussi lavici relativi all'eruzione dell’Etna, elaborando le immagini acquisite alle 10.45 (ora locale) del 16 marzo, alle 10.50 (ora locale) del 19 marzo e alle 11.45 (ora locale) del 26 marzo. Le immagini mostrano la lava emessa dal vulcano e, in particolare, evidenziano in modo chiaro la presenza di colate emesse in tempi successivi e localizzate in due zone diverse. Quella più lunga passa a ovest dei Monti Barbagallo, mentre la colata che passa a Est è meno alimentata e, quindi, procede più lentamente”.

La missione Sentinel-2A, lanciata nel giugno del 2015, ha trasmesso immagini ottiche multi spettrali, grazie alle 13 bande ad alta risoluzione spaziale che monitorano i cambiamenti del suolo e della vegetazione. Sentinel-2A con il suo satellite gemello, Sentinel-2B, in orbita dal 7 marzo, assicurano, infatti, un passaggio sulla medesima zona ogni 2-3 giorni alle medie latitudini.

Con l'obiettivo di incrementare il numero di osservazioni, sono state analizzate anche immagini acquisite dalla missione satellitare Landsat-8, lanciata nel febbraio del 2013 e distribuite da United States Geological Survey (USGS). Tramite un accordo tra INGV-USGS sono state attivate anche le acquisizioni del Landsat-8 durante i passaggi notturni su Etna, Vesuvio e Campi Flegrei per aumentare le osservazioni sui vulcani attivi Italiani. Il Landsat-8, che acquisisce 11 bande tra visibile-infrarosso con una risoluzione a terra di 30 metri e di 100 metri (2 bande nell'infrarosso termico),  permette di integrare i dati del satellite Sentinel-2A/2B e fornisce  la stima della temperatura superficiale e dell'andamento dei flussi lavici.

“Lo studio mostra, ancora una volta, come il telerilevamento spaziale sia un supporto importante alle attività di monitoraggio e sorveglianza vulcanica. Non solo fornisce una visione sinottica in sicurezza rispetto ai rilievi in loco, ma anche un valido strumento per il monitoraggio di vulcani in aree remote, non facilmente accessibili. Il tutto grazie alla nuova data policy delle Agenzie Spaziali orientata alla distribuzione gratuita dei dati satellitari a Enti Istituzionali", conclude Silvestri.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO