home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Volley, la Pallavolo Catania a un passo dal ritorno in serie A/2

Al palazzetto di Piazza Spedini arriva il Taviano nella prima delle tre gare che potrebbero segnare la rinascita del volley di alto livello all'ombra dell'Etna

Volley, la Pallavolo Catania a un passo dal ritorno in serie A/2

Foto Mimmo Mazzarino

Catania. La grande pallavolo torna a Catania. Domani alle 18,30 le porte dello storico palasport di piazza Spedini riapriranno i battenti per la prima finale dei play off tra Pallavolo Catania e Taviano. In palio il salto in A2 maschile.

La Pallavolo Catania ha disputato un grande campionato accedendo, grazie al primo posto nella stagione regolare, direttamente alla finalissima. Taviano proviene dal tabellone: ha superato Ottaviano nella semifinale vincendo gara due per 3-2 e non senza polemiche. Tutto è pronto per una sfida dal sapore antico e il presidente del club etneo, Natale Aiello ammette: "Giocare la prima in casa potrebbe essere un vantaggio contiamo sulla spinta del pubblico che sarà numeroso e caloroso. Arriveranno anche i tifosi del Catania calcio per sostenerci".

Taviano ha vinto 3-2 l'ultimo match: "Ha vinto e basta - rileva Aiello - qualunque squadra in questo momento ha la giusta carica e esprime un'ottima pallavolo".

E intanto la squadra ha diffuso una lettera ai tifosi per invitarli a seguire un match che profuma di storia

Per raccontarvi la partita di sabato, le nostre emozioni, le nostre sensazioni, potremmo scegliere di farlo parlandovi di cosa sia la pallavolo per noi: la passione di una vita. Di cosa voglia dire aver trascorso stagioni su stagioni dentro una palestra, giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento, acciacco dopo acciacco. Tra incazzature, incompresioni, momenti in cui tutto quello che avevi fatto sembrava perso, tutto quello per cui avevi lavorato sfuggito di mano. Delle centinaia di trasferte su un pulmino lungo la Salerno -Reggio; di quel punto che avresti potuto giocare in maniera diversa, di quella finale sfumata all'ultimo fischio dell'arbitro e di quella promozione meritata. Del compagno di squadra che non hai mai potuto soffrire e di quello che è diventato il tuo migliore amico. Ma, vedete, tutte queste cose sono vere per noi ma lo sono per chiunque altro faccia sport. Perchè, queste cose, sono l'essenza stessa dello sport. Spogliatoi, parquet, sudore, sacrificio, gioie, dolori, successi, sconfitte. Lo sport, è tutto qui. Per tutti, non solo per noi.

Per questo non vi racconteremo la partita di sabato come della partita della nostra vita, del coronamento della carriera - per alcuni di noi - o del trampolino di lancio per molti altri. Della partita di sabato vogliamo dirvi che è il nostro modo per portare in alto il nome della nostra Catania. Per sventolare le nostre bandiere, per onorare i nostri colori rossoazzurri. Da pallavolisti, non possiamo che farlo giocandoci la straordinaria possibilitàdi riportare la città dove merita di stare, per storia e tradizione: in serie A. Ci siamo preparati, abbiamo faticato, abbiamo attraversato difficoltàdiventando un gruppo granitico, una squadra con un cuore solo che batte nel cuore di ciascuno di noi. Ma se fosse solo questo, non sarebbe sufficiente. Mancherebbe qualcosa. Mancherebbe la passione che questa città sa tirare fuori quando è necessario, perchè I catanesi, quando si tratta di fare la storia, sanno benissimo cosa fare. E' scritto nel nostro patrimonio genetico, nel passato di una città che è stata grande, nel presente che ciascuno di noi contribuisce a costruire, nel futuro che i nostri desideri sapranno realizzare.

Noi ci siamo, ma abbiamo bisogno di voi. Perché noi, insieme a voi siamo una potenza. Perché siamo catanesi. Lo siamo stati nelle difficoltà, sappiamo esserlo quando c'è da andare a prendere una vittoria. Che è lì, a portata di mano.

Sabato noi ci siamo. Vi aspettiamo al Palazzetto

Viva Catania, viva la pallavolo.

Adriano (il capitano), Eros, Giovanni, Claudio, Andrea, Emy, Franco, Ciccio, Roberto, Fulvio, Mario, Simone, Matteo, Samuele, Gianpietro (il mister)

 

Approfondimenti nell'edizione in edicola

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO