home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Matà si difende davanti il Gip: "Non sono io l'assassino di mia madre"

L'uomo, secondo i suoi legali, avrebbe fornito la sua versione dei fatti, compreso quella sulla presenza del suo Dna nelle unghia della vittima: "Eravamo sempre in contatto"

Matà si difende davanti il Gup: "Non sono io l'assassino di mia madre"

CATANIA - Ha ribadito la propria innocenza davanti al Gip Alessandro Ricciardolo, Angelo Fabio Matà, il 43enne arrestato ieri dalla squadra mobile di Catania con l'accusa di avere ucciso, il 7 gennaio del 2014, la madre, Maria Concetta Velardi, di 59 anni, nel cimitero della città. Nell’interrogatorio di garanzia, alla presenza del Pm Giuseppe Sturiale, assistito dal suo legale, l’avvocato Maurizio Magnano di San Lio, l’uomo ha fornito la sua versione dei fatti ribadendo la sua innocenza.

 
«Ha contestato ogni accusa dichiarandosi totalmente estraneo e di non avere commesso alcun reato», ha commentato il suo difensore, che non ha voluto fornire dettagli sulle spiegazioni date dal suo assistito per «rispetto del segreto professionale». Ha anche dato la sua versione sul suo Dna trovate nelle unghie di due dita di sua madre, sottolineando che erano sempre in contatto.

 

Nei prossimi giorni valuterà se presentare istanza di scarcerazione al Gip o al Tribunale del riesame.
Secondo l’accusa, l’uomo, sottufficiale della marina militare, avrebbe assassinato la madre, in modo non premeditato, al culmine di una lite scaturita nel cimitero, dove la donna si recava tutti i giorni a trovare il marito e un figlio morto quattro anni prima.

 

 

Tra gli indizi a suo carico: tre signore che hanno detto di aver sentito delle urla di donna durante una lite, le tracce del Dna dell’uomo sotto le unghie della mano destra della donna e una macchia di sangue dell’uomo, misto a quello della madre, sulla sua auto. Per il medico legale l’ora del decesso sarebbe da collocare tra le 15.30 e le 15.45, quando, sostiene l’accusa, Matà era davanti alla cappella di famiglia da solo con la madre, colpita con due pietre che pesano 23 e 18 chili, e morta dopo 30-45 minuti di agonia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO