home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Morte Raciti, Speziale ad allenamenti con Daspo: ricorso in Cassazione

Lo ha presentato Giuseppe Lipera, legale del giovane tifoso, già condannato per l'omicidio dell'ispettore catanese di Polizia

Morte Raciti, Speziale ad allenamenti con Daspo: ricorso in Cassazione

CATANIA - «Assistere a un allenamento della propria squadra non avrebbe potuto far insorgere nell’imputato un particolare e preoccupante stato emotivo, specie in considerazione della totale assenza di fazioni contrapposte» e inoltre «fra le ipotesi tassativamente indicate, non è assolutamente ricompreso il divieto di assistere agli allenamenti». Lo scrive l’avvocato Giuseppe Lipera nel ricorso presentato in Cassazione contro la sentenza con cui il 21 febbraio scorso la Corte d’appello di Catania, riformando la sentenza di primo grado, ha condannato a un anno di reclusione e a 10mila euro di multa Antonino Speziale per non avere rispettato il Daspo che gli era stato imposto dalla Questura. L'accusa riguarda la sua presenza nell’agosto del 2010 agli allenamenti del Catania nell’impianto sportivo Torre del Grifo, in territorio di Mascalucia nonostante fosse sottoposto al divieto di partecipare o assistere a manifestazioni sportive.


Speziale è uno dei due ultras condannati in via definitiva a sei anni di reclusione per l’omicidio preterintenzionale dell’ispettore capo della Polizia di Stato Filippo Raciti durante gli scontri tra ultras del Catania e forze dell’ordine il 2 febbraio 2007 nello stadio Angelo Massimino mentre si giocava il derby con il Palermo. L’avvocato Lipera nel ricorso in Cassazione, definisce la sentenza «errata di fatto e in diritto». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa