home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Elezioni in Gb, le preoccupazioni dei siciliani

Brexit.Subito dopo il voto si deciderà il destino di tanti emigrati

Elezioni in Gb, le preoccupazioni dei siciliani

E gli attentati? «Non c'è un clima teso, ma la gente è incredula - sostiene Francesca Marchese, giornalista freelance catanese -. Io provo a fare una vita normale, ma mi sorprendo a preferire il bus alla metro e a fare un giro più largo pur di non passare da Oxford Street. Ieri - racconta - ho scelto di andare al cinema in una sala meno frequentata per evitare l’effetto topo in trappola nel caso di un attacco. Terrorismo e Brexit sono usati come argomenti di campagna elettorale: più che discutere su come aiutare le famiglie a pagare meno di affitto, i politici si scontrano sulla politica estera. Le scelte della May in Libia, Iraq e Afghanistan pesano come un macigno, ma pure il leader dei Laburisti incespica sui numeri. Io lo vedo in vantaggio, ma Londra è una città-Stato e il risultato del voto nel Paese non è prevedibile».

«A Londra si danno favoriti i laburisti, ma Theresa May con i discorsi anti terrorismo delle ultime 48 ore potrebbe recuperare», ritiene Mario Bucolo, catanese fondatore di Stay4Skills. Il tema caldo è la sicurezza «ma non è tanto il terrorismo a tenere banco - dice Bucolo -. Londra da un anno è in mano a bande di motociclisti che rubano moto andando in giro con il flex, non si può più parlare al cellulare perché te lo scippano per strada e ci sono anche le bande di ragazzini che stanno dando molto fastidio».

«Sicuramente l'atmosfera è cambiata - riflette Antonio Neri, originario di Biancavilla e Managing Director per Broadridge Financial Solutions -. Gli attentati hanno suscitato sentimenti negativi nei confronti della comunità musulmana e dei migranti. Cosa auspicano gli italiani sull'esito del voto? Che la Brexit non abbia un effetto negativo e che dalle urne venga fuori un governo capace di gestirla».

Chi ne ha sentite tante in vent'anni di permanenza a Londra è lo chef palermitano Enzo Oliveri: «Il mio ristorante è proprio tra Piccadilly e Trafalgar Square e ho l'occasione di ascoltare molte opinioni. Seguiamo i fatti di cronaca con molta attenzione, ma andiamo avanti con grande passione per il nostro lavoro. A prescindere da chi vincerà le politiche, il turismo sarà in primo piano».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa