home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Strangolò Luana Finocchiaro, Di Mauro condannato a 30 anni

La sentenza del Gup del Tribunale di Catania: l'uomo, che già nel 2001 aveva ucciso un uomo per ragioni passionali, ha assassinato a Misterbianco la sua convivente per la gestione del figlio di quattro anni

Strangolò Luana Finocchiaro, Di Mauro condannato a 30 anni

Il Gup di Catania Simona Ragazzi, accogliendo la richiesta della Procura, ha condannato col rito abbreviato a 30 anni di reclusione Vincenzo Di Mauro, il 38enne che nella notte tra il 31 gennaio e il 1 febbraio del 2016 uccise, strangolandola, l’ex compagna Luana Finocchiaro, di 41 anni.

Il delitto avvenne nella casa di Misterbianco della donna, dove c'era anche il loro figlio, che allora aveva 4 anni, che non si accorse dell’omicidio. La vittima era separata e madre di tre bambini. Secondo l’accusa, il movente sarebbe da ricondurre alle liti tra la coppia legate alla gestione del bambino, che era al centro di un contenzioso.

L’uomo dopo avere commesso il delitto, secondo la ricostruzione dei carabinieri della Tenenza di Misterbianco che eseguirono le indagini, prese il piccolo e lo portò a casa sua. Quando arrivarono i militari dell’Arma negò tutto: «Sono innocente», disse loro. Nel processo sono confluiti i dati di tabulati telefonici e telecamere che lo collocherebbero nella zona del delitto durante l’ora dell’omicidio. Contro di lui, dichiarato da una perizia in grado di intendere e volere, anche i suoi precedenti.

Nel 2001 fu arrestato per un omicidio passionale: il 17 luglio 2000 assassinò un suo vicino di casa, Francesco Tirendi, di 47 anni, perché aveva insidiato la fidanzata allora 17/enne. Durante un violento alterco lo picchiò, gli chiuse la testa in un sacchetto di plastica e infine lo strangolò con un cinturino. Per quell'omicidio fu condannato a 11 anni di reclusione.
Nel 2012 fu nuovamente arrestato dai carabinieri, questa volta per lesioni personali nei confronti della stessa Luana Finocchiaro. L’uomo, sorvegliato speciale, fu posto ai 'domiciliarì. Ma dopo tre giorni la donna ritirò la denuncia e lui tornò libero.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa