home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania: si accaparravano i minori migranti per i soldi e poi li chiamavano “zingari” e “porci”

L'inchiesta della Procura di Catania ha portato all'arresto di due responasbili di centri di accoglienza. Il procuratore Zuccaro: «Abbiamo intercettazioni sconvolgenti»

Catania: si accaparravano i minori migranti e poi li chiamavano “zingari” e “porci”

Nel riquadro, Giovanni e Mario Impellizzeri

CATANIA - Minori stranieri sbarcati sulle coste italiane definiti "zingari" e "porc", vittime di maltrattamenti, privati del diritto allo studio e di farmaci e costretti a vivere in locali con gravissime carenze sanitarie strutturali e privi di autorizzazioni, con la complicità di un ex dipendente del Comune di Catania, che vi dirottava i minori pur sapendo che non avevano i requisiti per la gestione. Un altro amministratore, del Comune di Sant'Alfio, avrebbe rilasciato false certificazioni. E’ il quadro che viene fuori dall’inchiesta, coordinata dalla Procura di Catania, che ha portato all’arresto del responsabile di due cooperative che gestivano sei centri di accoglienza per minori, Giovanni Pellizzeri, 56 anni, e del figlio Mario, 29 anni,con le accuse, a vario titolo, di corruzione, falso in atto pubblico e maltrattamenti. Una loro collaboratrice, accusata di maltrattamenti, è stata raggiunta da divieto di dimora.

Nell’inchiesta sono indagate altre sette persone. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal Gip su richiesta della Procura etnea. L’inchiesta ha consentito di far luce su una gestione non conforme alla legge, che gli investigatori hanno definito «illecita e truffaldina», dei centri di accoglienza. L’indagine ha preso avvio da alcuni fatti di violenza segnalati nel 2014 in alcune comunità di accoglienza. Le cooperative gestivano centri di accoglienza dove erano ospitati 196 minori per un giro d’affari di due milioni di euro. 

 

 

«E' ovvio che non si deve fare di tutta l’erba un fascio. Vi sono centri di accoglienza certificati che sono motivati da scopi di solidarietà e questi operano bene. Ma dobbiamo essere assolutamente severi nei confronti di quelli che invece, speculando sul bisogno ed approfittando di questa situazione emergenziale, non fanno il loro dovere», ha detto il Procuratore della Repubblica a Catania, Carmelo Zuccaro, incontrando i giornalisti in merito all’operazione "Camaleonte".

«Quello che oggi emerge - ha osservato - è quello che spesso abbiamo temuto e che già in parte avevamo accertato: in una situazione emergenziale, non bastando i centri di accoglienza certificati dagli organi dello Stato, dalle prefetture, si deve far ricorso ad altri centri accreditati dai Comuni e non sempre questi centri rispondono ai requisiti».

«Abbiamo delle intercettazioni sconvolgenti - ha aggiunto Zuccaro - in cui questi ragazzi accolti vengono definiti come degli zingari e dei porci e si dice che come tali devono essere trattati. Anche di questo dobbiamo essere consapevoli. Persone che vengono qui in condizioni di indigenza, in una situazione difficilmente gestibile, spesso finiscono per essere oggetto di speculatori».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Toccherà

    19 Luglio 2017 - 11:11

    A PROPOSITO DI SPECULATORI -Il rapporto tra abitanti e immigrati é chiaro che é stato ampiamente superato, ad esempio ad Agrigento é 6 volte superiore a quello concordato tra Governo e Anci, pertanto, non capisco come mai il Comune che dovrebbe garantire la sicurezza, la salute, l’igiene dei propri cittadini autorizzi una nuova struttura adibita a centro di immigrati in una zona residenziale che prima era abbastanza sicura anche se con muri confinanti bassi a facile accesso. Il centro in questione si trova in zona Fontanelle in via Venezuela, il Comune si é ricordato che esiste soltanto per trovare e piazzare gli ultimi immigrati arrivati, ci si aspettava invece che si sarebbe occupato del decespugliamento, delle discariche, della puzza di fogna, delle zanzare e blatte per non parlare del rischio incendio per i terreni incolti. Sig. Sindaco dove sei? Fatti sentire all’ Anci, noi di via Venezuela ti abbiamo votato no gli speculatori di disgrazie altrui e avvoltoi che cercano soldi.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO