home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Sono ammalato», invece era in palestra: la Sac lo licenzia

Addetto ai varchi di sicurezza dell'aeroporto di Catania lavorava da 15 anni a Fontanarossa. La furbata gli è costata cara.

«Sono ammalato», invece era in palestra: la Sac lo licenzia
Catania - «Nessuno pensi di essere intoccabile. Il tempo dell’impunità è finito». Pippo Interdonato, direttore generale e amministratore unico di Sac Service, società controllata della Sac, va dritto al punto, dopo essere stato costretto, ieri, a licenziare un addetto ai varchi di sicurezza che da 15 anni lavorava in aeroporto. «D’accordo con il management della Sac - dice - abbiamo assunto un’agenzia investigativa che nei mesi di maggio e giugno ha “seguito” alcuni dipendenti, addetti alla viabilità e alla security, che negli ultimi anni avevano accumulato qualcosa come 100 giorni di malattia l’anno. Assenze ripetute e, diciamo, alquanto anomale, che hanno creato gravi disagi al buon funzionamento dello scalo aereo e, dunque, ai passeggeri, il nostro bene più prezioso. I risultati delle indagini hanno fatto luce in particolare sul comportamento di tre dipendenti, i quali, nei giorni in cui avevano comunicato di essere in malattia, erano invece chi al mare, chi in palestra, chi a fare altro.

«Con l’assistenza legale dell’avv. Andronico - spiega Interdonato - abbiamo sospeso i tre dipendenti, chiedendo loro di fornire giustificazioni sulla loro condotta entro i 10 giorni stabiliti dalla legge. Il primo ha inviato risposta prima della scadenza, ma non era affatto convincente e dunque abbiamo proceduto al licenziamento».

In attesa di conoscere la sorte che attende gli altri due lavoratori di Sac Service, Pippo Interdonato si lancia in una considerazione «che ritengo doverosa: il 90% dei nostri dipendenti sono persone perbene e grandi lavoratori. È grazie a loro che l’aeroporto è in costante crescita e ci avviamo al record dei 9 milioni di passeggeri. È anche per tutelare loro che l’amministratore delegato della Sac, Nico Torrisi, mi ha dato mandato pieno per perseguire chi non lavora e pensa di godere di un’impunità cui forse era abituato in passato, e premiare invece chi si fa in quattro per svolgere con dignità e impegno il proprio dovere. E devo dire che questa linea l’abbiamo condivisa sia con i sindacati sia con i lavoratori».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • FIRSTNET INVESTIGAZIONI

    03 Agosto 2017 - 12:12

    Verificare i dipendenti infedeli è un diritto di ogni azienda per tutelare il proprio patrimonio aziendale e anche i lavoratori onesti. Le agenzie investigative non fanno altro che cristallizzare con oggettività situazioni illecite. I responsabili che utilizzano tali servizi sono persone molto legate alla propria azienda.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa