home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Scordia, bambino rischia l’occhio per un gancio portarifiuti

Il piccolo, 7 anni, si è accidentalmente conficcato l'uncino, uno dei tanti che penzolano dai balconi, nell'occhio sinistro: stava giocando e, correndo, non lo ha visto

Scordia, bambino rischia l’occhio per un gancio portarifiuti

Scordia (Catania) - Copiosa emorragia, lesione della cornea e della retina. E’ questa la diagnosi per un bambino di 7 anni che rischia di perdere l’occhio sinistro per essersi accidentalmente conficcato uno dei tanti uncini che pendono dai balconi utilizzati in modo improprio dai cittadini per il deposito dei rifiuti.

L’episodio si è verificato venerdi, giorno dedicato alla raccolta degli indifferenziabili, ma è venuto alla luce dopo che i genitori hanno denunciato il gravissimo episodio al comando della polizia municipale. Il piccolo stava giocando in una delle strade meno trafficate della città, nel quartiere Montagna e correndo non si è accorto del gancio in ferro che gli si è conficcato nell’occhio. Trasportato immediatamente in ospedale, gli sono stati applicati dei punti di sutura per fermare la forte emorragia, quindi è stato dimesso. Il futuro però rimane incerto a causa del rischio della perdita dell’occhio con conseguente compromissione parziale della vista.

Solidarietà alla famiglia è stata espressa dal sindaco, Franco Barchitta che, venuto a conoscenza dell’episodio si è subito messo in contatto con i familiari e con l’oculista che ha in cura il piccolo. Quello di lasciare appesi gli uncini davanti alle proprie abitazioni è un malcostume che più volte è stato oggetto di interrogazioni in consiglio comunale e che è espressamente vietato da un’ordinanza emessa il 29 giugno 2012 che obbliga i cittadini serviti dalla raccolta “porta a porta” a utilizzare mastelli in plastica, così come tutti i contenitori degli altri rifiuti che devono essere poggiati davanti l’uscio delle abitazioni. Tutte le altre forme di conferimento, compresi i sacchetti appesi ai ganci, sono oggetto di sanzioni. In conseguenza di quanto accaduto, il sindaco ha annunciato un inasprimento immediato delle sanzioni. Dal 1 settembre, quando il servizio di raccolta sarà esteso anche ai residenti delle periferie, saranno distribuiti in modo gratuito dei contenitori che sostituiranno definitivamente i sacchetti. Previsti controlli capillari contro gli abusi e il pericoloso gancio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa