home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

"Prima che la notte", il film tv che racconta gli ultimi due anni di Pippo Fava

Il regista Daniele Vicari: «In tutti i settori c'è gente che non si vende e lui era giornalista dalla schiena dritta»

"Prima che la notte", il film tv che racconta gli ultimi due anni di Pippo Fava

BARI - Al Bif&st oggi l’anteprima internazionale di Prima che la notte di Daniele Vicari, film tv con Fabrizio Gifuni nei panni del giornalista e intellettuale Pippo Fava ucciso dalla mafia a Catania il 5 gennaio 1985. Un nuovo lavoro del regista di 'Diaz' e 'Velocità massima', ancora una volta nel segno dell’etica, che andrà in onda su Rai1 il 23 maggio, nella Giornata della legalità.
Prima che la notte, prodotto da Rai Fiction e Iff e tratto dal libro omonimo scritto da Michele Gambino e Claudio Fava, racconta gli ultimi due anni della vita straordinaria dell’intellettuale catanese nel segno di un giornalismo «dalla schiena dritta» (così lo definisce Vicari).

«In tutti i settori c'è gente che non si vende, e questo vale anche per i giornalisti. Molti di loro oggi sono sotto scorta e hanno sicuramente una vita difficile, ma l’Italia resta comunque al 45/o posto nella classifica annuale di Reporters sans Frontieres e questo vorrà dire qualcosa» dice oggi a Bari Vicari. «Il problema vero - aggiunge - è che il nostro Paese è spesso colluso, ci sono zone d’ombra in cui si fa fatica ad entrare».

In questo film-denuncia troviamo Pippo Fava ultra-cinquantenne che, dopo i suoi successi in radio, teatro e cinema, torna nella sua Catania per fondare un giornale (I Siciliani) fatto tutto da giovani, compreso il figlio Claudio (Dario Aita). Una testata che darà ben presto fastidio. La sua denuncia della collusione tra imprenditori catanesi e mafia locale guidata da Nitto Santapaola non passerà inosservata tanto che Fava troverà la morte, per colpi di arma da fuoco, nella sua auto. Ma intanto quello che ha seminato, come si vede nel film, continua a vivere nei giovani formati al suo giornalismo etico e di inchiesta.

«Era un intellettuale libero e anche un uomo molto generoso che restituiva quello che aveva avuto - spiega Vicari -. Da qui anche la storia straordinaria de I Siciliani, magazine innovativo che si potrebbe definire quasi una testata online ante litteram».
Dice Fabrizio Gifuni che ha reso con intelligenza il personaggio scanzonato di Fava: «Era un grande giornalista d’inchiesta senza retorica, ma allo stesso tempo aveva una grande capacità di invenzione della realtà che rendeva poetica e teatrale. Una volta raccontò sul suo giornale in maniera epica una mareggiata, con tanto di onde alte sette metri, a Catania, ma quelle onde non erano mai state così alte. Era fatto così».

Sul fronte libertà di stampa l’attore è invece più scettico: «Non ci sono scuole per creare giornalisti dalla schiena dritta. Molto dipende dalla capacità di guardarsi allo specchio di ognuno, e questo è una cosa che non si insegna. L’informazione - conclude Gifuni - è sempre legata alla proprietà dei giornali, una cosa che pesa molto. Così uno la schiena dritta, alla fine, se la deve creare da solo». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO