WHATSAPP: 349 88 18 870

Favara, giù calcinacci da tetto della scuola

Favara, giù calcinacci da tetto della scuola Feriti alunno disabile e maestra di sostegno

Il sindaco: «Il tetto di quella classe era in perfette condizioni»
Favara, giù calcinacci da tetto della scuola Feriti alunno disabile e maestra di sostegno
Un edificio di 62 anni, ma senza problemi apparenti nonostante l’età. Eppure un alunno disabile e la sua maestra di sostegno sono rimasti feriti nell’Agrigentino per il crollo di intonaco e calcinacci dal tetto dell’aula nel plesso Don Bosco di via Della Grazia, a Favara. Il bambino, 11 anni, romeno, poche ore dopo essere giunto all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento è stato dimesso con una prognosi di 7 giorni: se l’è cavata con alcune escoriazioni e qualche ematoma. La maestra, invece, è rimasta in osservazione nel nosocomio, ma le sue condizioni non destano preoccupazione. L’alunno era rientrato in classe, al primo piano dell’edificio, e si era appena seduto quando si è verificato il cedimento. Tanta la paura per lui e per tutti i gli alunni della V A. Gli insegnanti hanno immediatamente evacuato le nove classi della elementare e una della materna, prima che in via Della Grazia arrivassero i vigili del fuoco di Agrigento (che hanno interdetto l’ingresso al primo piano), i carabinieri, il dirigente scolastico Brigida Lombardi, il sindaco Rosario Manganella e il responsabile sicurezza della scuola, Riccardo Lo Brutto. «Quello che è accaduto è strano. È stato accertato anche dai responsabili dell’ufficio tecnico - ha spiegato il sindaco Manganella - che il tetto di quella classe era in perfette condizioni, a differenza di altre aule dove si notano, invece, vecchi segni di infiltrazione d’acqua». Da lunedì mattina, oltre ai controlli già effettuati, i tecnici del Comune saranno alla Don Bosco, ha aggiunto il sindaco, per compiere ulteriori verifiche. Secondo il dirigente scolastico «è tutto sotto controllo. L’istituto continuerà a funzionare. Domani sarebbe rimasto comunque chiusa perché sabato. Lunedì i bambini andranno a scuola e poi si stabilirà dove ci sono i posti per ospitarli temporaneamente». È probabile che le classi del primo piano vengano temporaneamente trasferite al plesso San Domenico Savio di via Palma Oliva. La Don Bosco è stata realizzata nel 1953. Ha un tetto in canne, sul quale era stato sistemato l’intonaco. Secondo gli accertamenti del responsabile della sicurezza, non c’erano infiltrazioni d’acqua, né tanto meno umidità.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa