WHATSAPP: 349 88 18 870

L’intera Sicilia nella morsa del maltempo

L’intera Sicilia nella morsa del maltempo Alberi abbattuti e disagi lungo le autostrade

Trombe d’aria a Caltanissetta e a Licata / VD 1 - VD 2 - VD 3

L’intera Sicilia nella morsa del maltempo Alberi abbattuti e disagi lungo le autostrade

Fiumi esondati, auto travolte dal fango, alberi abbattuti dal vento, frane: è la situazione nella Sicilia colpita dal maltempo. A Barcellona Pozzo di Gotto è tracimato il fiume Mela che ha provocato allagamenti e trascinato via auto. Situazione simile a Milazzo. A Furci Siculo è esondato il Pagliara portando via diverse auto e caravan. Il centro di Antilio è bloccato da una frana; Il comando generale dei vigili del fuoco ha inviato nella provincia di Messina rinforzi da Palermo. Problemi, con alberi sradicati dal vento anche lungo le autostrade A19 Palermo–Catania e A29 Palermo–Mazara del Vallo. Le squadre dell’Anas e le pattuglie della polizia stradale sono impegnate nel tratto nisseno dell’A19 e tra Calatafimi e Segesta, sull’A29. Chiuso al momento lo svincolo di Caltanissetta per maltempo.

VIDEO 1 / VIDEO 2 / VIDEO 3

 

Due tralicci dell'Enel sono caduti sul cavalcavia dello svincolo dell'autostrada A19 Palermo-Caltanissetta, sfiorando un furgone Fiat Forino condotto da un uomo che è riuscito a evitare di essere travolto. Sul posto sono arrivati i tecnici dell'Anas e i poliziotti della Stradale che stanno deviando il traffico su percorsi alternativi in attesa dell'intervento dei vigili del fuoco per rimuovere i tralicci caduti. In città, invece, numerose auto sono state danneggiate per il crollo di alcuni alberi a causa del forte vento e per la presenza di tronchi in mezzo alla carreggiata il traffico ha subito rallentamenti in diverse strade del capoluogo. La situazione sta lentamente tornando alla normalità, la pioggia ha cessato di cadere e il tempo dovrebbe mantenersi sereno fino a stasera, quando è prevista una leggera pioggia.

Nella zona, tanti alberi divelti e strade statali allagate. Per raggiungere Caltanissetta, bisogna quindi uscire allo svincolo di Enna. Interrotte anche alcune arterie provinciali per la caduta di alberi. Danni causati da trombe d’aria a Caltanissetta e a Licata, nell’Agrigentino, dove le scuole sono rimaste chiuse. Numerosi interventi dei vigili del fuoco anche a Palermo e provincia per un intenso temporale che si è scatenato all’alba e che ha provocato allagamenti. Una tromba d’aria si è abbattuta a Caltanissetta dove il vento, per circa 10 minuti, ha soffiato a 60 chilometri orari. Nelle vie Libertà, Filippo Turati, Veneto e nei viali della Regione, Amedeo e Trieste grossi alberi sono stati spezzati dalle raffiche di vento e hanno distrutto alcune auto parcheggiate. Problemi anche Pian del Lago dove i commercianti ambulanti avevano già sistemato le bancarelle per il mercatino settimanale.

 

Tante le strade bloccate a causa degli alberi caduti sul selciato. Lungo la statale 626, sul viadotto Imera, un grosso eucalipto s’è piegato sfiorando alcune auto in transito. La polizia Stradale ha bloccato il traffico su entrambi i sensi di marcia. Tromba d’aria anche a Licata con alberi abbattuti, tunnel delle serre spianati e tetti di case scoperchiati. Gravi danni sia nel centro che nelle periferie. Al Villaggio agricolo e al Villaggio dei fiori sono stati scoperchiati numerosi immobili, ma sono caduti anche serbatoi dai tetti. Il forte vento ha abbattuto alberi in via Principe di Napoli e in salita Santo Antonino dove la strada è bloccata. Chiuse, questa mattina, tutte le scuole della città. La guardia costiera ha già recuperato diverse barche a vela che a causa del vento sono state spinte fuori dal porticciolo.

 
Una tromba d'aria ha creato paura e danni nel Ragusano, a Punta Secca, frazione di Santa Croce Camerina, dove ha casa il "Commissario Montalbano" della fiction tv. La tromba d'aria ha colpito anche alcune contrade di Scicli. Gravi danni all'azienda florovivaistica FlorGuarino: oltre mille metri quadri di serra sono stati investiti dalla furia del vento, distruggendo cinquemila piantine di Stelle di natale.
 

 

«Una stima completa si potrà avere nei prossimi giorni, ma sono già gravissimi i danni causati dal maltempo di stanotte. In particolare nella zona di Canicattì e Licata è stata danneggiata l'uva. Sono state sdradicate le strutture». Lo dice la Coldiretti regionale. «Impraticabili molte aree interne dove la viabilità è compromessa seriamente e impedisce di raggiungere le aziende agricole - prosegue l'organizzazione - Danni agli agrumeti in provincia di Messina. Gravissimi danni nell'area di Canicattì e di Licata».

 


Soprattutto nell'Agrigentino si contano i maggiori danni. «Il forte vento ha provocato la caduta di frutti e addirittura lo sradicamento di piante. L'uva Italia - dice la Coldiretti - ha subito gravi danni nel momento pieno della commercializzazione del prodotto vanificando gli sforzi produttivi di molte aziende. Si teme per ulteriori manifestazioni meteorologiche avverse viste le previsioni per le prossime ore. Gravi danni inoltre alle reti elettriche ed agli impianti delle aziende agricole.  Con il passare delle ore e la verifica in campo si è fatta più grave la situazione dei danni provocati nell'hinterland di Canicattì  dall'ondata di maltempo di questa mattina. I forti venti e la tromba d'aria che da Licata ha raggiunto Caltanissetta ha attraversato anche le campagne distruggendo diversi pescheti e vigneti che avevano ancora il frutto pendente. Alla spicciolata sono gli agricoltori ed imprenditori agricoli stessi a segnalare sui social network i danni patiti. L'amministrazione comunale già si sta attrezzando per le segnalazioni del caso attraverso la Prefettura alla Regione Sicilia, alla Protezione Civile e al Governo nazionale per proclamare lo stato di calamità naturale.
 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa