home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Vizzini, 50enne ucciso a colpi di bastone

Vizzini, 50enne ucciso a colpi di bastone dopo una notte di misteriosi incendi d'auto

Giovanni Cutrera "punito" per aver incendiato le loro auto FOTO

Vizzini, 50enne ucciso a colpi di bastone dopo una notte di misteriosi incendi d'auto

VIZZINI - Efferato delitto al termine di una vera e propria notte di fuoco a Vizzini. La vittima di un brutale omicidio è un 50enne del luogo, Giovanni Cutrera, ucciso a colpi di bastone in contrada Conventazzo, a poche centinaia di metri dallo svincolo della strada statale Catania-Ragusa. L'episodio sarebbe collegato a diversi incendi d'auto verificatisi nel centro storico del paese prima dell'alba anche se non si esclude un regolamento di conti tra allevatori rivali finito nel sangue. Nella stessa circostanza è rimasto ferito un giovane, anch’egli vizzinese, che ha evitato conseguenze più gravi riuscendo appena in tempo a fuggire. Subito dopo il delitto i carabinieri di Vizzini e Palagonia hanno arrestato due fratelli originari della provincia di Messina: Salvatore e Daniele Faciano Miraglia, di 54 e 42 anni, entrambi accusati di omicidio.

GUARDA LA FOTOGALLERY

 

Incensurato, sposato e padre di due bambini, Cutrera gestiva una già consolidata attività di servizi funebri e cimiteriali insieme al fratello. Negli ultimi tempi, però, pare che avesse deciso di diversificare i suoi affari, investendo nel settore dell’allevamento. La scelta del luogo in cui impiantare la sua nuova attività, in un territorio tanto vasto quanto di lunga tradizione agricola, è forse la causa di ripetuti dissidi sfociati nel sangue. I rapporti con i confinanti, infatti, non sarebbero stati sin dall’inizio di “buon vicinato”. Qualche parola di troppo, episodi mal digeriti e il tragico epilogo affidato alla giustizia fai-da-te.
All’omicidio, secondo le prime ricostruzioni, sarebbero riconducibili i tre incendi di altrettante auto date alle fiamme durante la stessa notte, una delle quali di proprietà di un confinante di Cutrera.

 

E' probabile che Cutrera fosse l'autore degli incendi e che i due allevatori arrestati lo abbiano intercettato in contrada Conventazzo per dargli "lezione". Ma i colpi di bastone inferti sono risultati mortali. Al termine dell’agghiacciante esecuzione, sarebbero stati gli stessi fratelli a telefonare ai carabinieri, poi l’arrivo dell’ambulanza, che ha tentato inutilmente di rianimare la vittima. 

 

Alla guardia medica dell’ex ospedale Rinaldi, sporco di benzina, si è invece presentato il giovane passeggero che viaggia con Cutrera e che, durante la violenta aggressione, ha riportato ferite alla testa forse provocate da un attrezzo affilato. La sua posizione è al vaglio degli inquirenti, che potrebbero prendere provvedimenti già nelle prossime ore.

 

I presunti autori del delitto, difesi dall’avvocato Francesco Villardita, sono stati condotti in caserma, ma si sono avvalsi della facoltà di non rispondere e nella tarda serata di ieri sono stati trasferiti nel carcere di Caltagirone. Sul caso indaga la Procura di Caltagirone.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa