WHATSAPP: 349 88 18 870

Beni confiscati: Csm, Saguto cercò notizie su procedimento penale

Beni confiscati: Csm, Saguto cercò notizie su procedimento penale

Avrebbe «mobilitato persone di sua conoscenza per acquisire notizie riservate presso gli uffici giudiziari di Caltanissetta e Palermo sull’esistenza di un procedimento penale»

Beni confiscati: Csm, Saguto cercò notizie su procedimento penale

PALERMO - Avrebbe «mobilitato persone di sua conoscenza per acquisire notizie riservate presso gli uffici giudiziari di Caltanissetta e Palermo sull’esistenza di un procedimento penale che dal capoluogo siciliano avrebbero mandato ai colleghi nisseni». C’è anche questo nel lungo elenco di accuse che il Consiglio Superiore della Magistratura contesta al giudice Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione di Palermo, sotto inchiesta a Caltanissetta per corruzione e abuso d’ufficio. La prima commissione del Csm ha aperto nei suoi confronti e di altri quattro magistrati, anche loro indagati, un procedimento per il trasferimento d’ufficio.  

 

Saguto, nel frattempo, ha fatto domanda di trasferimento. Sulle toghe coinvolte grava anche un possibile procedimento disciplinare: il pg della Cassazione ha avviato, infatti, accertamenti sul caso.  

 

L’inchiesta nissena - parte degli atti sono stati inviati al Csm che, anche sulla base delle carte ricevute ha potuto avviare il procedimento per il trasferimento - riguarda l’illecita gestione delle nomine degli amministratori giudiziari dei beni sequestrati alla mafia. Quel che viene fuori è però un sistema più ampio basato su scambi di favori e condotte, quando non illecite, «suscettibili di valutazioni critiche», scrive la prima commissione di Palazzo dei Marescialli.  

 

Tra gli episodi elencati dal Csm la nomina del figlio del giudice Tommaso Virga, Walter, amministratore giudiziario di un patrimonio milionario, in cambio di un presunto intervento del padre, ex consigliere di Palazzo dei Marescialli, in un procedimento disciplinare riguardante la Saguto. E ancora pressioni del giudice su Walter Virga perché facesse entrare nel proprio studio la compagna del figlio, e l’esistenza di «un rapporto corruttivo» tra il magistrato e uno dei principali amministratori giudiziari della città, l’avvocato Gaetano Cappellano Seminara. Quest’ultimo avrebbe assegnato consulenze al marito della Saguto, anche lui indagato, e fatto lavorare il figlio nella sua società, la Tourism Project srl.  

 

Nell’inchiesta spunta anche il nome di un altro amministratore giudiziario, Carmelo Provenzano, ricercatore all’università di Enna: avrebbe fatto la tesi all’altro figlio del magistrato e regalato al giudice diversi generi alimentari di una attività da lui amministrata. Il trasferimento potrebbe riguardare anche il pm Dario Scaletta, indagato per rivelazione di segreto istruttorio, e i giudici Lorenzo Chiaramonte, accusato di abuso d’ufficio e Fabio Licata, accusato di concorso in corruzione aggravata. Infine a Saguto si contesta l’avere instaurato rapporti “privilegiati” con alcuni giornalisti in cambio di campagne di stampa a lei favorevoli.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa