home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La Saguto al telefono sui figli di Borsellino

La Saguto al telefono sui figli di Borsellino ”Lucia è una cretina, Manfredi squilibrato”

Intercettazioni choc nell’inchiesta su gestione beni confiscati

La Saguto al telefono sui figli di Borsellino ”Lucia è una cretina, Manfredi squilibrato”
PALERMO - Un sistema clientelare, richieste di assunzioni nelle attività sequestrate ai boss, pressioni sugli amministratori giudiziari, richieste di favori per sé, per i propri familiari e per personaggi di peso come il prefetto di Palermo, regali, una gestione del patrimonio sottratto alle cosche come fosse una cosa personale e tanti, tanti soldi. Il sistema Saguto, quel “circuito da far girare”, si legge nelle intercettazioni, era complesso e coinvolgeva decine di persone: professionisti, dipendenti del palazzo di giustizia, magistrati. Ma, probabilmente, quel che più resterà impresso è la frase, sprezzante, pesante, riservata dal giudice Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione indagata per corruzione, ai figli del giudice Paolo Borsellino.
 

«Manfredi Borsellino è uno squilibrato, lo è sempre stato, lo era pure quando era piccolo», «Lucia Borsellino è cretina precisa», dice al telefono parlando con un’amica, di ritorno da una manifestazione antimafia, il giudice, che solo la richiesta di lasciare Palermo salverà dal trasferimento per incompatibilità ambientale.
«Siamo senza parole», commentano i figli del magistrato assassinato dalla mafia nel ‘92. Mentre lei, l’ex potente del palazzo di giustizia, finita sotto inchiesta insieme a due giudici a latere, due amministratori giudiziari, un pm, il marito, il padre e il figlio, per l’illecita gestione degli incarichi nelle amministrazioni dei beni sequestrati, tenta di difendersi. «Si tratta di parti di conversazioni estrapolate da contesti più ampi, che singolarmente lette possono avere significati fuorvianti». «Aggiungo che probabilmente - spiega - saranno sfuggite al giornalista (l’intercettazione è stata pubblicata da Repubblica ndr) le frasi con cui esprimevo la stima incondizionata e l’affetto che ho sempre nutrito nei confronti di Paolo Borsellino, mio carissimo amico personale, collega anche di corrente ed ineguagliabile maestro».
 

Evita commenti sulla vicenda, invece, il ministro della Giustizia Andrea Orlando che, dopo l’avvio dell’inchiesta di Caltanissetta sulla sezione misure di prevenzione di Palermo, ha inviato nel capoluogo gli ispettori. Intanto la sezione è stata azzerata e tutti i giudici che lavoravano con Saguto - due sono indagati - sono stati assegnati ad altri uffici. Di “pagina triste”, parla la presidente dell’Antimafia Rosi Bindi che, un anno fa, nel pieno dello scontro, proprio sulla assegnazione degli incarichi agli amministratori, tra l’ex responsabile dell’Agenzia dei beni confiscati Giuseppe Caruso e i giudici della sezione aveva preso le difese dei magistrati.
 

Quello che emerge dalle intercettazioni è un vero e proprio sistema con al centro l’ex presidente che raccomandava persone da assumere agli amministratori giudiziari, tentava di far avere incarichi di consulenza al marito - uno, tramite il presidente della omologa sezione di Roma anche nella società che gestisce il Cara di Mineo - e chiedeva. La tesi per il figlio, fatta, dicono i pm, da un docente che aveva avuto incarichi di amministratore, il lavoro per la nuora e per l’altro figlio.
Saguto aveva i conti in rosso e necessità di denaro. Gli inquirenti hanno scoperto un conto aperto e debiti per 18mila euro in un supermercato sottratto ai boss e regali: come quei sei chili di tonno per una cena col prefetto. Un sistema, dunque, fitto di rapporti, su cui dovrà indagare anche il pg della Cassazione, titolare dell’azione disciplinare nei confronti dei magistrati.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa