WHATSAPP: 349 88 18 870

Papa Francesco ha deciso don Corrado Lorefice arcivescovo di Palermo

Papa Francesco ha deciso don Corrado Lorefice è arcivescovo di Palermo

Il cinquantenne parroco arriva dalla parrocchia di San Pietro a Modica

Papa Francesco ha deciso don Corrado Lorefice è arcivescovo di Palermo

Per scelta teologica e stile di vita è considerato un testimone della chiesa dei poveri. Come sottolinea nel primo messaggio inviato ai fedeli della sua diocesi quando li invita “a mantenere vigile l’attenzione ai più piccoli, ai più poveri, agli ammalati”. Questo profilo dell’arciprete della chiesa di San Pietro a Modica avrebbe convinto papa Francesco a nominare don Corrado Lorefice nuovo arcivescovo di Palermo. Succederà a Paolo Romeo che ha superato il limite di età di 75 anni e da due era in “prorogatio”.

 

Il papa e don Corrado si conoscono personalmente. Ma un’influenza nella nomina sarebbe venuta dal sostegno di don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, e di monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana.
La notizia della nomina circolava già da qualche giorno sotto forma di indiscrezione. A Modica i fedeli l’avevano accolta con commozione mentre don Corrado aveva mantenuto un sobrio silenzio.

 

“È sotto i vostri occhi, nel mio cuore e sulle mie spalle, il peso che mi è stato imposto. Tuttavia, la parola di Dio mi è di conforto e sprone” ha commentato stamane a Noto, dove è stato vicario episcopale della diocesi. “Papa Francesco, nonostante questa mia inadeguatezza mi ha affidato il servizio pastorale della diletta Chiesa palermitana - ha aggiunto -. A lui va la mia gratitudine e la mia convinta e incondizionata adesione al suo alto e lungimirante magistero”.

 

Nato a Ispica 53 anni fa, figlio di un maestro elementare, il nuovo arcivescovo di Palermo si è laureato in teologia con una tesi sulla Chiesa conciliare e sulla relazione sulla povertà che nel 1962 venne presentata dal cardinale Giacomo Lercaro al Concilio Vaticano II. Dalla sua ricerca don Corrado Lorefice ha anche ricavato un libro con un titolo che riassume la sua visione del ruolo della Chiesa: “Dossetti e Lercaro: la chiesa povera e dei poveri”.
Don Corrado ha scritto anche un altro libro, “La compagnia del Vangelo. Discorsi e idee di don Pino Puglisi a Palermo”, nel quale rilegge in chiave teologica gli interventi del sacerdote ucciso dalla mafia al quale ha fatto anche esplicito richiamo nel suo primo messaggio ai fedeli della sua nuova diocesi.

L’impegno per la promozione dei più deboli ha portato più volte il nuovo arcivescovo di Palermo in Africa e in Sudamerica dove ha incontrato l’allora cardinale Bergoglio. Da quel rapporto, consolidato da una comune visione sulle aperture sociali della Chiesa, sono nate le premesse per la nomina di don Corrado nel segno della discontinuità delle “regole” gerarchiche: padre Lorefice diventa infatti arcivescovo senza essere mai stato vescovo.

 

E forse non a caso tra i primi ad esprimere apprezzamento per la scelta del Papa sono stati proprio due parroci di frontiera a Palermo, Padre Maurizio Francofonte, successore di Don Pino Puglisi a Brancaccio, e Padre Antonio Garau, che si è più volte scagliato contro la mafia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa