WHATSAPP: 349 88 18 870

Ance Sicilia: «Serve commissario per l’autostrada Siracusa-Gela»

Ance Sicilia: «Serve commissario per l’autostrada Siracusa-Gela»

L’Ance ritiene che «Regione e Consorzio autostrade siciliane non siano in condizione di sostenere la gestione economico-finanziaria dell’appalto da 260 milioni di euro per la costruzione dell’autostrada
Ance Sicilia: «Serve commissario per l’autostrada Siracusa-Gela»
L’Ance Sicilia ritiene che «Regione e Consorzio autostrade siciliane non siano in condizione di sostenere la gestione economico-finanziaria dell’appalto da 260 milioni di euro (fondi europei e statali) per la costruzione dell’autostrada Siracusa-Gela (tratta Rosolini-Modica) e pertanto chiede al governo Renzi di revocare la responsabilità ai due enti e di affidarla ad un commissario».   «Ciò perché - denuncia l’associazione dei costruttori siciliani - su 28 milioni di euro di lavori eseguiti da ottobre 2014, il Cas ha pagato solo 4 milioni, tanti ne sono rimasti in cassa dal ricavato dei pedaggi. Nell’incontro odierno con impresa, sindacati e Ance, l’ente ha dichiarato di non disporre in atto di altre risorse perché la Regione avrebbe solo virtualmente versato 15 milioni, che non sarebbero mai arrivati nelle casse del consorzio».   «Di questo passo - osserva l’Ance Sicilia - col solo ricavato dei pedaggi ci vorranno 60 anni per recuperare l’intero saldo dell’appalto. Ciò quando il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, ha ribadito in una nota dello scorso 6 ottobre che per legge le stazioni appaltanti non possono bandire gare se i provvedimenti di spesa non hanno un’idonea copertura finanziaria. Nel caso del Cas è stata appaltata un’opera da 260 milioni che, evidentemente, non erano disponibili o sono stati dirottati altrove».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa