WHATSAPP: 349 88 18 870

La Uil: Catania capitale della crisi Cassa integrazione cresce: +8,5%

La Uil: Catania capitale della crisi Cassa integrazione cresce: +8,5%

Il dato emerge dal rapporto sulla Cig in Italia diffuso dal servizio nazionale per le politiche del lavoro e della formazione del sindacato
La Uil: Catania capitale della crisi Cassa integrazione cresce: +8,5%
”Negli ultimi mesi la Cassa integrazione è aumentata soltanto in nove province italiane. Catania, purtroppo, è fra queste. Qui la ripresa non si vede e nei Palazzi, intanto, si consumano ancora i riti della vecchia politica”. Lo ha reso noto il segretario della Uil, Fortunato Parisi, commentando l’ottavo Rapporto sulla Cassa Integrazione in Italia diffuso dal Servizio nazionale Politiche del Lavoro e della Formazione. Secondo i dati della struttura di ricerca e analisi statistiche guidata dal segretario confederale Guglielmo Loy, a Catania la Cig ordinaria, straordinaria e in deroga è complessivamente cresciuta dell’8.5% tra gennaio–settembre 2015 e del 15.2% nel solo mese di settembre. ”Più di tante parole – afferma Fortunato Parisi – i numeri dimostrano che Catania resta capitale della crisi. Deve soprattutto allarmare il fatto che in un anno è diminuita del 19.1% la Cassa ordinaria mentre la Cig straordinaria e quella in deroga sono lievitate del 24.7% e del 36,2%. Insomma, nel nostro territorio le aziende ricorrono sempre meno agli ammortizzatori sociali per gestire fasi di ristrutturazione e rilancio produttivo. Stanno, invece, facendo ricorso ai benefici terminali di legge – spiega il segretario della Uil – prima della chiusura definitiva degli stabilimenti. L’allarme sociale cresce, peraltro, a pochi mesi dalla piena attivazione del nuovo sistema Cig previsto dal Jobs Act che produrrà la riduzione sostanziale di durata della Cassa”. ”Alle istituzioni politiche – dice Parisi – chiediamo di agire, di fare presto e bene, di tralasciare finalmente i tornaconti di bottega. Catania può e deve tornare a essere locomotiva dell’Isola. Noi ci crediamo, malgrado i segnali negativi che arrivano da pubblico e privato”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa