WHATSAPP: 349 88 18 870

Beni sequestrati: via da Palermo

Beni sequestrati: via da Palermo Fabio Licata e Lorenzo Chiaramonte

Per pm Scaletta forse sarà chiesta l’archiviazione
Beni sequestrati: via da Palermo Fabio Licata e Lorenzo Chiaramonte
Dopo Silvana Saguto, l’ex presidente delle Misure di prevenzione del tribunale di Palermo sospesa dalle funzioni e indagata per corruzione, anche altri due magistrati che hanno lavorato in quella stessa sezione e che sono rimasti coinvolti nella stessa inchiesta si apprestano a lasciare il capoluogo siciliano. Si tratta di Fabio Licata, che era vice di Saguto, e di Lorenzo Chiaromonte, indagati rispettivamente di concorso in corruzione e abuso d’ufficio.   Entrambi, dopo l’avvio della procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale da parte della Prima Commissione del Csm, avevano chiesto di essere destinati subito ad altra sede. E oggi dalla Commissione è arrivato il primo via libera alla loro richiesta. Per Licata - che è accusato di aver adottato provvedimenti per aumentare i compensi dell’ingegnere Lorenzo Caramma, marito di Saguto e consulente di un amministratore giudiziario - il sì dei consiglieri ha riguardato l’unica sede tra quelle indicate fuori dal distretto giudiziario di Palermo.   Una sorte che invece non è toccata a Chiaromonte, forse per la contestazione meno grave che gli muovono i pm nisseni, quella di non essersi astenuto in una procedura nonostante ricorressero ragioni di opportunità. Perchè il trasferimento dei due giudici -che davanti al Csm hanno negato gli addebiti- diventi effettivamente operativo occorrono altri due passaggi, ritenuti pacifici: il sì di un’altra Commissione, la Terza, e quello del plenum di Palazzo dei marescialli. Giovedì prossimo invece la Commissione procederà al deposito degli atti per Tommaso Virga, l’unico dei giudici coinvolti nell’inchiesta (per lui l’accusa è induzione indebita) a non aver chiesto il trasferimento “in prevenzione”. Un passo che prelude alle imminenti conclusioni della Commissione, che tra dieci giorni deciderà se chiedere al plenum il trasferimento d’ufficio o l’archiviazione.   La Commissione starebbe già maturando un orientamento favorevole all’archiviazione invece per il pm della Dda di Palermo Dario Scaletta, accusato di rivelazione di segreto d’ufficio, perchè secondo la procura di Caltanissetta avrebbe informato Licata e Chiaromonte della trasmissione da Palermo a Caltanissetta del fascicolo alla base dell’inchiesta. Davanti al Csm Licata ha negato di aver fornito alcun tipo di informazione, ricordando soltanto una riunione in procura in cui si parlò di quel procedimento. Una circostanza confermata oggi dal procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia, ascoltato dalla Commissione. Sempre giovedì prossimo (ma è probabile uno slittamento) la Commissione potrebbe fare il punto sulla posizione del presidente della Sezione Misure di prevenzione del tribunale di Roma, Riccardo Muntoni, a cui Saguto sollecitò la nomina di suo marito quale coadiutore nelle amministrazioni giudiziarie; si tratta di decidere se avviare anche nei suoi confronti la procedura di trasferimento d’ufficio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa