WHATSAPP: 349 88 18 870

Messina ancora senz’acquala Procura ha aperto un’inchiesta

Messina ancora senz’acqua la Procura ha aperto un’inchiesta

La Procura di Messina ha aperto un’inchiesta sull’emergenza idrica che interessa da diciotto giorni la città. Si tratta di un fascicolo, in cui non vengono formulate ipotesi di reato e senza indagati

Messina ancora senz’acqua la Procura ha aperto un’inchiesta

Dell’emergenza acqua in Sicilia si occupa anche la magistratura. Sono due le Procure che hanno aperto fascicoli conoscitivi, al momento senza indagati né ipotesi di reato: quella di Messina sui rubinetti all’asciutto da 18 giorni e quella di Caltanissetta sul valore di torbidità dell’acqua. Sono inchieste mirate a verificare se è possibile configurare eventuali irregolarità penali.
A Messina, dove la situazione resta critica, il consiglio comunale ha attivato una sua commissione di inchiesta e un gruppo di cittadini esasperati per l’emergenza ha organizzato per sabato pomeriggio a piazza Cairoli una fiaccolata sul tema: "Messina ha bisogno dei messinesi". Procedono intanto i lavori a Calatabiano, dove ieri è stato predisposto il tracciato per la posa della condotta provvisoria che consentirà di riportare l’acqua del Fiumefreddo nelle tubazioni di Messina. Sono state anche avviate le attività di risagomatura della frana. Intanto è stato installato un radar interferometrico e sono state eseguite le prime misurazioni per il monitoraggio del movimento franoso che ha travolto la condotta idrica.

 


Per garantire la distribuzione dell’acqua a Messina, anche oggi sono state operative 38 autobotti. Ieri sono stati distribuiti, con i mezzi mobili di approvvigionamento, 1.000 metri cubi d’acqua. Più di ottanta volontari si alternano quotidianamente per gestire la distribuzione porta a porta a persone anziane o con disabilità, oltre a dare supporto alla macchina per l’imbustamento di acqua potabile messa a disposizione dalla Regione Marche. Intanto, sono terminate le operazioni di pompaggio dei 5.450 metri cubi d’acqua dalla nave cisterna nel serbatoio di Torre Vittoria, che sarà sostituta con la nave cisterna militare già in rada. Il flusso di alimentazione dei serbatoi principali dell’acquedotto cittadino attualmente si aggira su valori di circa 600 litri al secondo provenienti da Alcantara, Santissima e pozzi cittadini.

 


 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa