WHATSAPP: 349 88 18 870

Istituito a Gela il baratto per chi non può pagare i tributi

Istituito a Gela il baratto per chi non può pagare i tributi

Per quei cittadini in dichiarata difficoltà economica che non sono in grado di pagare i tributi. Il baratto consentirà di sanare parte dei debiti attaverso la prestazione volontaria di piccoli lavori per la comunità
Istituito a Gela il baratto per chi non può pagare i tributi
GELA - Secondo l’amministrazione comunale di Gela, sono 25 mila (tra disoccupati e cassintegrati) le persone che in città non hanno più un lavoro e che spesso non possono far fronte a impegni come pagare il mutuo, le bollette di acqua, luce e gas o tasse e tributi locali. Per questi ultimi, cioè per coloro che devono pagare Imu, Tasi e Tarsu, il sindaco del Movimento 5 Stelle Doemnico Messinese e la sua giunta hanno deliberato oggi un provvedimento, denominato “baratto amministrativo”.   Si tratta di una facoltà prevista dalla legge “sblocca Italia” del 2014, che viene incontro ai cittadini in difficoltà economiche, offrendo loro la possibilità di saldare il debito in cambio di prestazioni lavorative volontarie di pubblica utilità come la manutenzione degli immobili comunali o la cura del verde pubblico.   Finora erano stati piccoli centri - per primo Invorio, in provincia di Como seguito da Trevi, Leggiuno, Tollo, Palma di Montechiaro - a fare questa scelta. Adesso sono anche grandi comuni come Gela (77 mila abitanti) hanno deciso di adottare la delibera. L’obiettivo, spiega il sindaco Messinese, è quello di «migliorare la vita dei nostri concittadini e di agevolare quanti, liberamente ed autonomamente, sceglieranno di prestare la loro opera al servizio della collettività».   In una città come Gela, duramente colpita dalla crisi economica e in particolare dalla chiusura della Raffineria Eni, si prevede una fila lunghissima di contribuenti morosi, aspiranti collaboratori volontari. «Metteremo in bilancio una determinata somma che sarà divisa per il numero dei partecipanti aventi diritto - precisa il sindaco - grazie alla quale questi cittadini in difficoltà potranno coprire anche parzialmente il debito tributario verso il Comune, che altrimenti non avrebbero mai pagato».   Tutto quindi dipende dalle somme a disposizione della giunta in questa specifica voce di spesa e dal regolamento che il consiglio comunale dovrà approvare nei prossimi giorni. L’amministrazione comunale ha già predisposto una bozza che rispecchia i requisiti stabiliti dall’articolo 24 della legge 164/14: «misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio».   Si dovranno stabilire i punteggi da attribuire (caso per caso) ai soggetti richiedenti tenendo conto del loro reddito familiare (Isee), nuclei “monogenitoriali”, presenza di soggetti diversamente abili in famiglia, ecc., e stilare apposite graduatorie. Il comune, inoltre, dovrà determinare il salario orario da conteggiare in compensazione per ogni ora lavorativa prestata come “baratto” con il contribuente moroso. La cifra da inserire nel bilancio comunale crescerà di anno in anno, secondo il numero delle richieste pervenute.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa