home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Due fratellini ingeriscono polvere sturalavandini, uno è grave

Finiscono in ospedale due bambini, di 2 e 4 anni, che hanno preso una sostanza tossica e corrosiva usata per sturare i sanitari

Due fratellini ingeriscono polvere sturalavandini, uno è grave

PALERMO - E’ accaduto in pochi minuti mentre nessuno li teneva d’occhio. Due fratellini palermitani di due e quattro anni hanno aperto un mobile della cucina in cui la madre teneva un contenitore con un acido utilizzato per sturare il lavandino e ne hanno ingerito il contenuto.

I familiari li hanno trovati a terra in preda a forti dolori alla pancia. Non riuscivano a respirare e si lamentavano. Accanto, il barattolo col prodotto. La madre, una giovane donna separata di 27 anni, ha chiamato subito il 118 capendo cosa era accaduto.

I piccoli sono stati portati in ospedale: il minore al «Di Cristina», il fratellino al pronto soccorso del «Cervello». Molto gravi le condizioni del bimbo di due anni, che è ricoverato in Rianimazione ed è stato intubato e messo in coma farmacologico. Sottoposto a una gastroscopia, però, sembra non aver riportato danni all’esofago. Non sarebbe in pericolo di vita, comunque, anche se la prognosi resta riservata.

Le prossime ore saranno decisive per capire se il prodotto, che è fortemente caustico, abbia danneggiato organi interni. Meno grave il fratello che, dal pronto soccorso, è stato trasferito nel reparto Pediatrico dell’ospedale «Cervello». Anche lui è stato sottoposto a una gastroscopia che non avrebbe evidenziato danni agli organi interni. La prognosi, però, resta riservata.

I due bambini, che hanno anche un altro fratellino, vivono con la giovane madre e i genitori di lei in un appartamento in via Costante Girardengo, nel quartiere Zen di Palermo. Il padre della donna è invalido. Probabilmente, secondo quanto ricostruito dagli agenti del commissariato San Lorenzo che hanno aperto un’indagine, i due bambini non avevano idea di cosa ci fosse nel barattolo con l’acido.

Gli agenti del commissariato San Lorenzo hanno interrogato i familiari per cercare di ricostruire quanto accaduto. I fratellini, secondo quanto raccontato dai testimoni, stavano giocando in cucina. Nella stanza, nel momento in cui hanno preso il barattolo, non c'erano adulti. Tutto si sarebbe svolto in pochi minuti. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO