WHATSAPP: 349 88 18 870

Le ombre del Cara di Mineo: ospiti fantasma

Le ombre del Cara di Mineo: ospiti fantasma “parentopoli” e stratagemmi per i contributi

E’ quanto emerso dalla relazione della commissione antimafia
Le ombre del Cara di Mineo: ospiti fantasma “parentopoli” e stratagemmi per i contributi
La Commissione regionale antimafia ha approvato stamane all’unanimità la Relazione conclusiva sul Cara di Mineo. Lo ha reso noto il presidente Nello Musumeci, aggiungendo che il testo è stato trasmesso, come prevede il regolamento interno, al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone ed alla presidente dell’Antimafia nazionale Rosy Bindi. «I colleghi commissari hanno dato prova di grande senso di responsabilità - ha detto Musumeci - per la passione e l’equilibrio con cui hanno lavorato in questi mesi. Credo sia la prima volta dopo tanti anni che la nostra Commissione arrivi ad un voto finale su una propria indagine». «Sia chiaro - ha precisato - noi ci occupiamo solo di responsabilità politiche ed amministrative, essendo quelle penali e contabili di competenza della magistratura. Ma sul Cara di Mineo abbiamo acceso i riflettori già nel febbraio dello scorso anno, molto prima, cioè, che scoppiasse lo scandalo di Mafia Capitale, segno evidente che la buona politica, quando vuole, riesce ad arrivare prima delle Procure. Come è giusto che sia». «Tutto questo - ha continuato Musumeci - va a merito dei colleghi della Commissione, espressione di tutti gli schieramenti politici, e del relatore Girolamo Fazio, che ha coordinato l’apposito Gruppo di lavoro. Nei prossimi giorni inoltreremo la relazione anche alle Procure di Roma, Catania e Caltagirone, che conducono, per aspetti diversi, le indagini sulla megastruttura della provincia di Mineo preposta all’accoglienza dei migranti». La Commissione ha accertato livelli di responsabilità politica che hanno coinvolto la Regione Siciliana, «che ha rinunciato di svolgere un ruolo attivo attraverso la Protezione civile». Lo scrive la commissione regionale antimafia nella relazione conclusiva sul Cara di Mineo approvata all’unanimità. Nella relazione si stigmatizza «la scelta di coinvolgere Odevaine nella compagine del Cara», quella di «non intervenire dopo i fatti di Mafia Capitale e dopo il parere dell’Anac sulla gara per la gestione del Cara». La commissione critica inoltre «i sindaci aderenti al consorzio, che hanno rinunciato a ogni diritto di soci per piegarsi a logiche politiche e subire il condizionamento del sistema imprenditoriale e cooperativo, il sindaco di Mineo, che è apparso subire analogo condizionamento, con l’aggravante di essere presidente dell’Ente, da parte di Paolo Ragusa, vero e proprio ‘cosindacò della cittadina e incontrastato regista nella gestione delle risorse umane».   «Nel Calatino - scrive ancora la commissione regionale antimafia - si è determinato una sorta di sodalizio fra un onnivoro sistema imprenditoriale e una parte della rappresentanza politico-istituzionale. Con una specifica caratteristica: mentre di solito è il sistema delle imprese che si pone al servizio della politica, qui è accaduto che la politica (o almeno una parte di quel ceto) si è posta in una condizione di subordinazione rispetto al perno sul quale si è mosso tale perverso sistema di monopolio nella erogazione di servizi».   «L’attività conoscitiva svolta dalla Commissione ha confermato la esistenza di un filo rosso che unisce le vicende del Cara e dei Centri Sprar dell’area Calatina ad ambienti politici ed istituzionali della Capitale». Lo scrive nella relazione sul Cara di Mineo la commissione regionale antimafia, che, parlando della Regione, «stigmatizza la scelta irresponsabile operata, nella grave fase della emergenza, di rinunciare alla gestione del Cara attraverso la Protezione civile regionale». «Una Regione che rivendica la propria autonomia politica - scrive - avrebbe dovuto giocare in prima persona la partita ed invece ha rinunciato a giocare qualsiasi ruolo in materia di immigrazione». Per la commissione inoltre «quello di Castiglione è apparso un ruolo meramente politico, tanto nell’avvio e nella gestione del Cara nella fase emergenziale, quanto nel passaggio alla fase successiva. La scelta di optare per la istituzione di un Consorzio tra Comuni, benché verosimilmente suggerita da Luca Odevaine (peraltro in una fase nella quale sullo stesso non incombeva alcuna indagine penale ed era da tutti ritenuto un valido “tecnico” di area PD), sembra aver trovato in Castiglione un convinto sostenitore».   Per la commissione antimafia inoltre Odevaine «è stato l’ispiratore della costituzione del Consorzio dei comuni ed è rimasto, dal 2011 al 2014, l’uomo-chiave del Cara di Mineo per l’accesso alle Amministrazioni centrali, il referente nei rapporti con le forze politiche che si sono avvicendate nel Governo del Paese e con le grandi imprese di erogazione di servizi». Per la commissione inoltre «i sindaci del Calatino che hanno aderito al Consorzio sono apparsi in gran parte figure marginali, chiamati a condividere un sistema dell’accoglienza del quale sono diventati solo ingranaggio, in cambio di piccoli interventi da parte del Consorzio consistenti nell’assunzione di operatori dei rispettivi Comuni e nella elargizione di modesti contributi finanziari solo apparentemente finalizzati a supportare non meglio definiti ‘progetti di integrazionè dei migranti, ma che di fatto nulla hanno a che vedere con i metodi integrativi».   «... Alcune settimane fa sono sbarcati a Messina 400 migranti, di cui 200 sono stati mandati al Cara di Mineo, senza essere stati identificati. E l’indomani mattina sono scomparsi. Che ci siano, quindi, molti di questi soggetti in giro è certo; che siano gestiti da qualche organizzazione è oltremodo fondato». È quanto ha detto davanti alla commissione regionale antimafia nel maggio del 2015 il Procuratore capo di Caltagirone, Giuseppe Verzera. Lo rende noto nella relazione sul Cara di Mineo approvata oggi all’unanimità la stessa commissione regionale antimafia, definendo l’episodio «inquietante» ed «allarmante la carente vigilanza interna ed esterna al Cara». «Lo stesso magistrato - conclude la commissione - ha inoltre evidenziato in quella occasione “le difficoltà non indifferenti che la gestione del Cara comporta a livello di ordine pubblico».   «Dalle audizioni è emerso il tentativo dei politici locali di ritagliarsi un ruolo nelle assunzioni, segnalando personale (persino familiari) spesso privo dei requisiti professionali necessari allo svolgimento dei delicati compiti ai quali sono chiamati». Lo scrive la commissione regionale antimafia nella relazione sul Cara di Mineo approvata oggi. «Due distinte fasi - scrive la commissione - hanno caratterizzato il reclutamento del personale al Cara di Mineo: la prima, quella dell’avvio e dei contratti a tempo indeterminato; la seconda, quella del Consorzio tra i Comuni, con un organico quasi al completo e con le nuove assunzioni spesso a tempo determinato perché legate al variare del numero degli ospiti presenti all’interno della struttura».   «Quello delle iniziative finalizzate alla integrazione dei migranti è apparso uno stratagemma per accedere al contributo: diecimila euro per ogni iniziativa, al massimo ventimila in un anno per ciascun Comune». Lo scrive la commissione regionale antimafia nella relazione sul Cara di Mineo approvata oggi all’unanimità, aggiungendo che «per avere un’idea di cosa sia ed in che cosa consista il progetto di integrazione dei migranti nel Calatino è stato sufficiente ascoltare gli stessi sindaci dei Comuni beneficiari del contributo. Tra i contributi quelli di 10 mila euro per il progetto “Sport e integrazione” e di 10 mila euro per “Mare Nostrum-Odori e sapori del Mediterraneo” arrivati San Michele di Ganzaria e un contributo per due progetti di 10 mila euro ciascuno arrivato a Raddusa. «Aloisi (sindaco di Mineo n. d. r.) - scrive la commissione - si è spinta ad affermare che ‘da noi [Mineo] l’integrazione è a 360 gradi in ogni occasione. In ogni occasione - indipendentemente dai finanziamenti da parte del Consorzio - a Mineo l’integrazione si realizza continuamente - sottolineando però come - si è scoperto poi che l’integrazione di cui parla il sindaco è consistita nella partecipazione di un gruppo di migranti alla festa del Carnevale, al Natale nei vicoli e nel contesto della festa patronale».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa