WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, “agenti a noleggio” e il Comune fa cassa

Catania, “agenti a noleggio” e il Comune fa cassa

Dal 2007 esiste un regolamento comunale che riguarda i servizi eseguiti dalla polizia municipale in occasione do spettacoli, manifestazioni pubbliche o private, assistenza per matrimoni e altro
Catania, “agenti a noleggio” e il Comune fa cassa
Forse non tutti sanno che dal 21 febbraio del 2007 esiste un regolamento comunale che riguarda i “servizi eseguiti dalla polizia municipale nell’interesse dei privati”. Significa che questi ultimi, pagando secondo un tariffario prestabilito, possono richiedere e ottenere la presenza dei vigili urbani per l’esecuzione di lavori stradali su arterie di grande viabilità, di spettacoli e manifestazioni pubbliche, sportive, culturali o commerciali anche patrocinate dal Comune; per l’effettuazione di scorte per trasporti eccezionali o altri tipi di veicoli, assistenza per riprese cinematografiche, manifestazioni private quali feste, matrimoni, ricorrenze e altri eventi. Nel regolamento, che fu approvato dal Consiglio comunale quasi 9 anni fa, sono esclusi dal pagamento i servizi concernenti le iniziative promosse in collaborazione con l’Amministrazione comunale da associazioni Onlus ed enti religiosi.   Dunque, se la Telecom o l’Enel, come è capitato abbastanza spesso, o perfino partecipate del Comune quali Sidra, Asec o Amt, devono aprire dei cantieri stradali su grandi arterie per eseguire lavori di scavo, è necessaria la presenza dei vigili urbani per assicurare e garantire una corretta viabilità, e questa va pagata. Se ancora, giusto per fare qualche esempio, una società di produzione cinematografica deve girare scene di un film sulle strade della città, com’è capitato recentemente con “Squadra Antimafia”, c’è bisogno che siano presenti i poliziotti municipali per chiudere al transito determinati tratti o per regolare il traffico là dove serve per consentire il corretto svolgimento delle riprese. E dunque è tenuta a farne richiesta al Comune e a pagare il servizio.   Da qualche anno a questa parte il Comando di polizia municipale riesce a far fronte a questo genere di richieste dei privati senza dover ricorrere, salvo rari casi, al lavoro straordinario dei propri vigili. Che, dunque, svolgono i servizi nell’orario di lavoro normale. Le tariffe vanno da 22 euro l’ora più Iva a 30 euro l’ora più Iva: il privato paga 22 euro per ogni vigile impiegato se si tratta di servizi che hanno “un rilevante interesse pubblico” e sono richiesti da società partecipate; ne paga 26 se si tratta di servizi con “significativo interesse pubblico”: cantieri stradali, spettacoli e manifestazioni pubbliche, sportive, culturali e commerciali; ne paga 30 + Iva per quei servizi che hanno “minore interesse pubblico”: le scorte per trasporti eccezionali, le riprese cinematografiche, le feste, le ricorrenze.   Il versamento del denaro avviene su un conto corrente intestato all’amministrazione comunale. Nei (rari) casi in cui i vigili urbani addetti ai servizi per i privati abbiano svolto il lavoro fuori il normale orario, il Comune gira il corrispettivo al Comando per pagare gli straordinari. Com’è successo, per esempio, la scorsa estate, quando la Sac, la società di gestione dell’aeroporto di Fontanarossa, ha richiesto la presenza di poliziotti municipali per svolgere servizi inerenti la viabilità. Per questo i vigili urbani hanno prestato circa 1.100 ore di lavoro straordinario, e la Sac ha versato nelle casse del Comune 24.288 euro, per una media di 22 euro l’ora versata a ogni vigile.   Servizi aeroportuali a parte, la polizia municipale nel corso del 2015 (dati aggiornati al 30 novembre) ha prestato 336 ore di lavoro dedicato a 24 servizi e il Comune ha intascato 7.920 euro. Nel 2014 le ore dedicate erano state circa 1.000 per un incasso di 22.544 euro. Il privato che intende usufruire dei servizi eseguiti dalla polizia municipale deve fare richiesta, come stabilito nel regolamento, alla Direzione del Corpo “almeno 10 giorni prima, in modo tale che possano essere reperiti sia il personale necessario in relazione alla durata, all’orario e al percorso, sia i mezzi e i veicoli di cui disporranno i vigili”.   I privati sono tenuti inoltre “a procedere al pagamento anticipato dell’importo dovuto in relazione alle ore di utilizzo e al numero del personale impiegato”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa