home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Morta dopo chemio sbagliata condannati medici e infermieri

Morta dopo chemio sbagliata condannati medici e infermieri

Valeria Lembo, è morta nel 2011 a Palermo per una dose eccessiva di un farmaco chemioterapico
Morta dopo chemio sbagliata condannati medici e infermieri
PALERMO - Cinque condanne, tra medici e infermieri, per la morte di Valeria Lembo, la donna uccisa nel 2011 a Palermo da una dose eccessiva di un farmaco chemioterapico. Il giudice monocratico Claudia Rosini ha condannato a 4 anni e sei mesi, per omicidio colposo, l’ex primario di Oncologia del Policlinico Sergio Palmeri e a sette la collega Laura Di Noto accusata, oltre che di omicidio colposo, anche di falso; a sei anni e mezzo lo specializzando Alberto Bongiovanni, anche lui accusato di omicidio colposo e falso. Quattro anni ciascuna alle infermiere professionali Clotilde Guarnaccia e Elena D’Emma, accusate di omicidio colposo. Assolto lo studente universitario Gioacchino Mancuso. La vicenda nasce dall’inchiesta sulla morte della paziente, malata di linfoma di Hodgkin, alla quale fu iniettata per sbaglio una dose di un farmaco chemioterapico dieci volte superiore a quella necessaria che si rivelò letale.   Sono scoppiati in un pianto liberatorio i parenti di Valeria Lembo, la giovane mamma, uccisa nel 2011 all’età di 34 anni da una dose eccessiva di un farmaco chemioterapico. Il giudice monocratico ha condannato medici e infermieri per l’errore. «La giustizia funziona - ha detto la madre, Maria Rosa D’Amico - Mia figlia ha avuto giustizia. Sono contenta per lei e per suo figlio. Speriamo che questo serva per evitare che episodi simili accadano anche in futuro». Giustizia è fatta», dicono gli zii e i cugini. In silenzio ha ascoltato la sentenza il marito di Valeria, Tiziana Fiordilino. «Niente può restituirci Valeria - ha detto la zia Anna Maria D’Amico - però oggi abbiamo avuto almeno giustizia, con un giudice che è andato oltre le richieste dei magistrati, dando il massimo della pena».   Il giudice ha inflitto l’interdizione dall’esercizio della professione agli imputati per una durata pari alla condanna. Ha inoltre stabilito una provvisionale immediatamente esecutiva di un milione di euro per il marito Tiziano Fiordilino, 400 mila euro ciascuno ai genitori della donna, 80 mila euro alla zia Anna Maria D’Amico. Valeria Lembo è morta il 29 dicembre 2011. Tre settimane prima, il 7 dicembre, al posto di nove milligrammi di vinblastina, una molecola chemioterapica usata per combattere il morbo di Hodgkin, gliene furono somministrati 90.   Durante il processo, ogni imputato si è difeso scaricando la resposabilità sugli altri. Laura Di Noto, il medico che ha avuto la pena più alta, aveva portato anche al processo l’intercettazione di una conversazione avuta con il primario subito dopo la morte della ragazza. È emerso che il numero sbagliato (90 al posto di 9) fu scritto dallo specializzando Alberto Bongiovanni, per sua stessa ammissione, e poi controfirmato da Di Noto e Palmeri in cartella. Ma poi l’errore fu corretto a mano, per questo Di Noto e Bongiovanni sono stati condannati anche per falso.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa