WHATSAPP: 349 88 18 870

Il sottosegretario Faraone attacca i sindacati

Il sottosegretario Faraone attacca i sindacati "Difendono privilegi ormai inaccettabili"

"Ma i precari siano produttivi: stop a segreterie piene e musei chiusi"

Il sottosegretario Faraone attacca i sindacati "Difendono privilegi ormai inaccettabili"

"I sindacati in Sicilia continuano ad avere un atteggiamento di conservazione e di mantenimento di privilegi ormai inaccettabili. Credo che i lavoratori precari degli enti locali, privi di una prospettiva di stabilizzazione a breve termine, vedano la proposta di un'Agenzia che possa collocarli, come una cosa concreta".

L'ha detto il sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone, a margine di un'iniziativa a Palermo. I sindacati hanno indetto una mobilitazione da lunedì, dopo l'ok in commissione Bilancio della Camera all'emendamento del governo alla Legge di stabilità nazionale che consente una proroga per un anno dei contratti in scadenza a fine dicembre per i precari degli enti locali.

 

"Dobbiamo garantire la stabilizzazione a questi lavoratori - ha aggiunto - che per troppi anni sono stati precari, ricattati, condizionati. Con l'Agenzia si potrà partire immediatamente e rendere il lavoro qualificato, retribuito, con contributi e una prospettiva durevole; ma al tempo stesso devono essere produttivi: è intollerabile che in Sicilia ci siano portinerie di assessorati strapiene e musei chiusi perché senza personale".

 

"Certi sindacati - ha concluso - smettano di difendere l'indifendibile. I primi a dover cambiare sono loro: si dovrebbero preoccupare di difendere il lavoro non il posto. Lancio un appello ai precari: questo sarà il governo che li stabilizzerà. Non si lascino strumentalizzare dai sindacati che sulla loro precarietà in questi anni hanno fondato proteste senza senso".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa