home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pentito: «Nel 2013 Messina Denaro era nel Trapanese»

Pentito: «Nel 2013 Messina Denaro era nel Trapanese»

Pentito: «Nel 2013 Messina Denaro era nel Trapanese»

«La rapina all’agenzia della Tnt di Campobello di Mazara fu rinviata perché in un villino della zona si nascondeva Matteo Messina Denaro e non si poteva disturbare la quiete». A rivelarlo è stato il collaboratore di giustizia di Bagheria (Palermo), Benito Morsicato, ascoltato, nell’aula bunker di San Vittore, a Milano, dal tribunale di Marsala nell’ambito del processo a tre presunti fiancheggiatori della famiglia mafiosa di Castelvetrano coinvolti nell’operazione antimafia “Eden 2” del 19 novembre 2014. La rapina all’agenzia Tnt fu commessa il 4 novembre 2013, mentre era stata programmata prima. Il colpo fruttò circa 100 mila euro. Ad agire furono 7 o 8 uomini incappucciati che indossavano casacche con la scritta “Polizia”. Nel processo, con l’accusa di aver avuto un ruolo in quella rapina, sono imputati Vito Tummarello, di 54 anni, e Luciano Pasini, di 27. Quest’ultimo, dipendente della Tnt, è accusato di essere il basista.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa