home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, appellato l’obbligo di dimora per la ricercatrice libica

Palermo, appellato l’obbligo di dimora per la ricercatrice libica

Khadiga Shabbi è stata fermata dalla polizia per istigazione a commettere delitti in materia di terrorismo. Per la Procura l’obbligo di dimora non le impedirebbe di continuare a fare propaganda terroristica
Palermo, appellato l’obbligo di dimora per la ricercatrice libica
PALERMO - La Procura di Palermo ha depositato l’appello contro l’ordinanza con cui il gip ha disposto l’obbligo di dimora per Khadiga Shabbi, 45 anni, ricercatrice universitaria libica presso l’Ateneo del capoluogo siciliano, fermata dalla polizia per istigazione a commettere delitti in materia di terrorismo. Nell’impugnazione si sottolinea la contraddittorietà della misura sotto il profilo della valutazione dei gravi indizi di colpevolezza e l’inadeguatezza dell’obbligo di dimora che, per la Procura, non impedirebbe all’indagata di comunicare e di utilizzare i social che sarebbero stati mezzo per la diffusione della propaganda terroristica. L’udienza del riesame non è stata ancora fissata. Gli investigatori hanno accertato che Khadiga Shabbi, monitorata per mesi dopo alcune segnalazioni, aveva avuto contatti con due foreign fighters, uno in Belgio, l’altro in Inghilterra. La donna avrebbe anche cercato di pianificare l’arrivo in Italia di un suo cugino, poi morto in Libia in uno scontro a fuoco e avrebbe mandato diverse somme di denaro in Turchia. La ricercatrice faceva propaganda sui social per organizzazioni integraliste vicine ad Al Qaeda.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa