WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, pizzo a ristoratore che però denuncia: arrestati

Palermo, chiedono pizzo a ristoratore che denuncia: arrestati

I due hanno prima ordinato una pizza e poi hanno invitato l'imprenditore a "mettersi a posto". Ne è nato un parapiglia che è stato notato dalla Polizia che ha così fermato in flagrante i due / VIDEO

Palermo, chiedono pizzo a ristoratore che denuncia: arrestati

Tentano di estorcere il pizzo a un ristoratore, che si ribella e li fa arrestare in flagranza dalla polizia. I protagonisti sono due pregiudicati palermitani, Sergio Macaluso, 32 anni, e Domenico Mammì, 40, accusati di tentata estorsione in concorso.

 

A bloccarli sono stati gli investigatori della squadra mobile diretti da Rodolfo Ruperti e gli agenti del commissariato San Lorenzo, che hanno notato nei pressi del locale un capannello di persone. I testimoni presenti hanno raccontato che il ristoratore sarebbe stato avvicinato dai due pregiudicati, che dopo avere ordinato una pizza da asporto e averla pagata, prima di uscire lo avrebbero invitato a "mettersi a posto e cercare un amico".

 

I due avrebbero aggiunto di essere a conoscenza del fatto che il commerciante tra non molto avrebbe aperto un altro ristorante a Palermo. Il titolare ha reagito dicendo che non avrebbe accettato le richieste estorsive e gli animi si sarebbero accesi. A questo punto sono intervenuti gli agenti. Davanti ai poliziotti, i due avrebbero perso tutta la loro tracotanza sostenendo che le richieste erano dettate dalla condizione di indigenza in cui si trovano.

 

Una versione che non è servita a Macaluso e Mammì, quest'ultimo con precedenti proprio per estorsione, ad evitare di finire nuovamente in carcere. Indagini sono in corso per stabilire se i due siano uomini legati alla famiglia mafiosa che controlla il mandamento.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

standard

/div> div class="ifooer'" div class="ilogobox_plogo_gnerial_v2> a href="http://www.lasicilia.it/n> img aalt="THome title="THome trc="/mage:s/tetatal_giutatpng"?v=146278220500" />< div class="ientrotio"> div class="ienu pont inerrmenu_2enu_2gneriale_picolo 2> <<<<<<<<<<<<
<<<< di&Nlass="antnncti ezionie_147 > Atnncti/pspan>/a>< /dli> di&Nlass="ape-lam-pubbickta aezionie_135 > Perla zPubbicktaagrave; /pspan>/a>< /dli> di&Nlass="anerollogcedezionie_148 pagna-eba.tca> Nerollogce/pspan>/a>< /dli> di&Nlass="aont iti_aezionie_136 pagna-eba.tca> Cnt iti_/pspan>/a>< /dli> di&Nlass="aprivacyaezionie_137 pagna-eba.tca> Privacy/pspan>/a>< /dli> di&Nlass="aima_i-algiuorntaoaezionie_138 > Rma_i- lgiuorntao/pspan>/a>< /dli> di&Nlass="astelgiuldiziarcedezionie_203 pagna-eba.tca> AtelGiuldiziarce/pspan>/a>< /dli> d/ul /div> < /div>
< (document).ready(function(){ $.dntepicker.setDefaults( $.dntepicker.regoneal[ "t/" ] ; ('#mnpu [nzm="tfiler'_from"], mnpu [nzm="tfiler'_to"]).cdntepicker( dnteFrmat=: 'dd/mm/yy' }; ('##enrc d2249772-9866-4bb7-85d4-461f1355f4a7 mnpu [nzm="tq"]).cexamole'cunrc ); ('##enrc d2249772-9866-4bb7-85d4-461f1355f4a7 orma).csubmt/function(){ ar belezct_ezioni/= $('his).pind('aelezct[nzm="tezionie_imenrc >]); f( $(.-r-m(elezct_ezioni/.val().length= == ){ elezct_ezioni/.posp('disabled' trufe; } }; ('##enrc d2249772-9866-4bb7-85d4-461f1355f4a7 mnpu [examole]).ceachfunction(){ ('his).pexamole'(this).adtr('hexamole'); }; }; unction cezarch_reset_fields(lezent). ('"#"+lezent)+ forma").get(0.reaset); ('"#"+lezent)+ forma").ind('"mnpu [ype="ext/]").val(""; ('"#"+lezent)+ forma").ind('"elezct").val(""; ('"#"+lezent)+ forma").ind(''lasbel_checkox.pchecked'.removeClass('achecked'. /dcript>
Powerlby a href="http://www.lgmdeit/">Gmde s.r.l /aiv> /div>
Tornt su/sa /div> acript type="text/javascript"> (document).ready(function(){ (d".top_button".click(function(){ ('"tml",body".c_i-at=e( crolliTop:0 }; return alse& ); }; /script>
/div>