home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Falso testamento per avere casa: condannata dal Gup di Catania

Falso testamento per avere casa: condannata dal Gup di Catania

Avrebbe fatto registrare un falso testamento olografo per entrare in possesso di una casa che doveva essere poi venduta alla moglie di un notaio, che era proprietaria dell’appartamento confinante

Falso testamento per avere casa: condannata dal Gup di Catania

CATANIA - Avrebbe fatto registrare un falso testamento olografo per entrare in possesso di una casa che doveva essere poi venduta alla moglie di un notaio, che era proprietaria dell’appartamento confinante. È l’accusa contestata a Rosaria Coco, 51 anni, che è stata condannata, pena sospesa, a due anni di reclusione per falso dal Gip di Catania Giuliana Sammartino. La posizione dell’imputata, che ha fatto ricorso al rito abbreviato, come riporta il sito Sudpress, era stata stralciata dall’inchiesta dal Giudice dell’udienza preliminare che, accogliendo la richiesta del Pm Fabio Regolo, ha rinviato a giudizio per gli stessi reati Cinzia Savasta, assistita dall’avvocato Salvo La Rosa, e suo marito, il notaio Marco Cannizzo, difeso dall’avvocato Attilio Floresta. La prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo 21 aprile davanti la prima sezione penale del Tribunale di Catania.


Il Gip Sammartino ha “dichiarato la falsità del testamento olografo”, ordinandone “la confisca e distruzione", e ha disposto, oltre al risarcimento delle spese legali, anche il pagamento di una provvisionale di 5.000 euro alla parte civile, l’erede della proprietaria dell’immobile, Consuelo Carrubba, assistita dall’avvocato Antonio Fiumefreddo.


Agli atti del processo la perizia grafica che ha stabilito la falsità del lascito, registrato da un notaio estraneo alla vicenda, e le testimonianze di un lontano cugino, Pierluigi Di Rosa, e di un’amica e convivente della proprietaria della casa, Grazia Pappalardo, che hanno sostenuto che Agata Carrubba non conosceva Rosaria Coco e non era in grado, per le condizioni di salute, di redigere un testamento olografo. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa