WHATSAPP: 349 88 18 870

Stragi di Capaci e via d’Amelio

Stragi di Capaci e via d’Amelio Il mandante è Matteo Messina Denaro

Nuova ordinanza contro il boss superlatitante
Stragi di Capaci e via d’Amelio Il mandante è Matteo Messina Denaro
Il gip di Caltanissetta ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Matteo Messina Denaro: il boss di Cosa nostra, super-latitante da tempo, è ritenuto mandante delle stragi di Capaci e Via D’Amelio. L’ordinanza è stata affidata dalla Dda di Caltanissetta alla Dia per l’esecuzione. Il provvedimento cautelare segue le ordinanze emesse tra 2012 ed 2013 dallo stesso Ufficio Gip nei confronti di vari appartenenti a Cosa Nostra ritenuti responsabili delle stragi del 1992. Il ruolo di mandante di Matteo Messina Denaro degli attentati ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, uccisi nel ‘92, emerge da più collaboratori che negli anni hanno raccontato, ad esempio, che il latitante trapanese reggeva Cosa nostra della sua provincia al posto del padre, il capomafia Ciccio Messina Denaro. Come raccontato più volte dai pentiti Vincenzo Sinacori e Francesco Geraci, Messina Denaro avrebbe preso parte, a settembre del 1991, al summit mafioso di Castelvetrano in cui sarebbe stato pianificato il progetto di assassinare Falcone. Alla riunione c’erano anche boss come Totò Riina, lo stesso Sinacori, e Giuseppe Graviano. Inoltre, raccontano più pentiti, Messina Denaro partecipò alla «missione» del commando che avrebbe dovuto assassinare Falcone a Roma a fine febbraio del 1992. Il progetto fallì e mesi dopo il capomafia trapanese tornò nella Capitale per riprendere le armi che si sarebbero dovute usare per l’omicidio. Il latitante di Castelvetrano, come riferito da diversi collaboratori di giustizia trapanesi, aveva poi progettato l’assassinio di Borsellino fin da quando questi era procuratore di Marsala. Da qui anche l’accusa di mandante della strage di via d’Amelio. Anche il ruolo di un altro padrino, Salvino Madonia, nelle stragi del ‘92 è emerso a distanza di anni dall’avvio delle indagini. La Procura di Caltanissetta, che sin da 2008, dopo il pentimento di Gaspare Spatuzza, sta cercando di riscrivere la verità sui due attentati ha messo insieme gli elementi raccolti individuando mandanti ed esecutori materiali rimasti per lungo tempo impuniti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa