home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Messina, un commerciante su cinque

Messina, un commerciante su cinque barava sulla percentuale degli sconti

Blitz GdF sui saldi sicuri: in 4 multati per oltre 15 mila euro / VIDEO

Messina, un commerciante su cinque barava sulla percentuale degli sconti

La Guardia di Finanza di Messina ha effettuato nelle ultime settimane una operazione denominata “saldi sicuri”, finalizzata a tutelare la buona fede degli acquirenti in questo periodo oggetto di numerose promozioni commerciali.

 

L’attività delle Fiamme Gialle ha avuto inizio prima dell’avvio delle vendite di fine stagione, attraverso mirati controlli dei prezzi di vendita dei beni di largo consumo, effettuati nel corso della normale attività di servizio, che hanno consentito di rilevare gli importi effettivi riportati sui prodotti esposti in vetrina e su quelli all’interno dei locali.

 

Una volta iniziati i saldi sono stati eseguiti dei riscontri per verificare che il prezzo di partenza dei beni in promozione, cui applicare la percentuale di sconto, corrispondesse a quello precedente all’avvio delle vendite promozionali. L’attività ha portato alla scoperta di alcuni esercenti che avevano aumentato i prezzi rispetto a quelli normalmente praticati prima del saldo, applicando così una riduzione fittizia rispetto a quella reale e traendo in inganno i clienti, convinti di aggiudicarsi beni a prezzi ancor più vantaggiosi.

 

È stato rilevato, ad esempio, che alcuni capi d’abbigliamento che apparivano scontati del 40% lo erano, in realtà, solo del 15%, in quanto il prezzo originario esposto sull’etichetta su cui applicare la percentuale di sconto era stato aumentato. In altri casi i ribassi effettivamente praticati erano pari a zero. Le ventisei ispezioni sono state effettuate soprattutto all’interno di negozi di abbigliamento e calzature, situati sia nel centro città che in periferia ed hanno permesso di comminare in quattro casi, a carico di altrettanti esercenti, sanzioni amministrative per un totale 15.200 euro. La Guardia di Finanza conferma, anche con questa attività, la volontà di contrastare tutti quei fenomeni distorsivi che costituiscono ostacolo alle corrette dinamiche di mercato, salvaguardando i consumatori finali.

 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa