WHATSAPP: 349 88 18 870

Anziana raggirata da una donna che si è offerta di toglierle la sfortuna

Gioielli con il sale per cacciare via il malocchio

La fattucchiera ha convinto la donna a darle i suoi oggetti d'oro

Pensionata di Grotte raggirata da una nomade fattucchiera venuta da fuori a offrirle i suoi servigi

 
Gioielli con il sale per cacciare via il malocchio

 E' finita nelle mani di una fattucchiera, che l'avrebbe aiutata a realizzare un amuleto contro il malocchio. Un meccanismo per portarle via cinque anelli, una collana ed un paio di orecchini. Vittima una pensionata, P.L.S., sessantottenne di Grotte, che si è rivolta ai carabinieri, raccontando di essere stata raggirata da una nomade. Erano le 18 circa dello scorso lunedì quando una donna, le si è avvicinata davanti la porta di casa, e l'ha convinta a farla entrare. Una valanga di parole ad effetto sempre più convincenti, che lentamente hanno fatto breccia sul carattere suggestionabile della pensionata. Il termine malocchio è spuntato all'improvviso sulle labbra di quella nomade, quasi sicuramente venuta da fuori provincia, (è il sospetto dei carabinieri) insieme a una vera e propria banda specializzata nelle truffe. La donna ha suggerito alla pensionata di  prendere l'oro di famiglia e di inserirlo in un sacchetto con del sale. Poi le ha detto di metterlo sopra un armadio. Lì doveva stare per cinque giorni senza che, qualcuno lo toccasse. Questo rito avrebbe cacciato il "malocchio". A quel punto la truffatrice con una scusa si è allontanata dall'abitazione, non prima di avere salutato calorosamente l’anziana. Quest'ultima però non ci ha dormito la notte. E l'indomani mattina sospettando qualcosa è corsa a controllare il sacchetto, constatando che, all'interno c'era solo il sale, e non vi era più traccia dell'oro.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa