home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Link e Onda: «Caso Enna impone una riflessione»

Link e Onda: «Caso Enna impone una riflessione»

Link e Onda: «Caso Enna impone una riflessione»

ROMA - Il caso Enna rende “necessaria una riflessione sul numero chiuso”. Lo affermano le associazioni studentesche Link e Onda alla luce della conferma da parte dei giudici di Caltanissetta della legittimità dei corsi di Medicina e professioni Sanitarie dell’università romena Dunarea de Jos di Galati aperti a Enna e del commissariamento e scioglimento del consiglio d’amministrazione della Fondazione Kore.

 


“Aldilà della necessità di indagare le motivazioni dei giudici, nella piena fiducia all’operato degli stessi occorre svolgere una profonda riflessione sulle politiche statali in tema di formazione universitaria. Infatti - afferma Giuseppe Bonanno, senatore accademico di Onda Universitaria presso l’università di Palermo - è indiscutibile che la liberalizzazione del mercato della formazione, e della cultura, genera e aumenta le disuguaglianze. Il caso della Kore è paradossale. Chi ha un reddito maggiore può non godere dell’agiatezza di servizi migliori e accedere a un titolo conseguito con un meccanismo di selezione più facile da quello previsto dalle norme nazionali”.    

 

“Riteniamo - conclude Alberto Campailla, portavoce nazionale di Link-Coordinamento Universitario- che questa vicenda debba far aprire una seria riflessione sul tema degli sbarramenti all’accesso dei corsi di studio che si dimostrano essere un sistema iniquo e inaccettabile come le nostre organizzazioni studentesche da sempre ribadiscono”.  (ANSA).

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa