WHATSAPP: 349 88 18 870

Canicattì, immigrazione clandestina Indagato anche commercialista

Canicattì, immigrazione clandestina Indagato anche commercialista

Il commercialista tramite false buste paga, avrebbe fatto risultare assunzioni in aziende del territorio permettendo agli immigrati dietro il pagamento di soldi di ottenere il permesso di soggiorno. C'era chi versava dai 500 ai 1000 euro al commercialista a titolo di spese di istruttoria  della pratica 

Canicattì, immigrazione clandestina Indagato anche commercialista

Un commercialista di Canicattì ed altre nove persone, queste ultime  tutte di nazionalità straniera: tunisina, marocchina, cinese,  hanno avuto notificato questa mattina dalla Procura della Repubblica  di Agrigento un avviso di conclusione delle indagini dove si ipotizza il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 

Si tratta dell’atto finale di una inchiesta partita due anni fa e condotta dagli agenti del commissariato di Canicattì coordinati dal dirigente il vice questore Valerio Saitta, che ha permesso di ricostruire  come  il commercialista tramite false buste paga, facendo risultare assunzioni in aziende del territorio permetteva agli immigrati dietro il pagamento di soldi di ottenere il permesso di soggiorno sul territorio italiano. Alcuni degli indagati hanno dichiarato agli inquirenti che versavano dai 500 ai 1000 euro al commercialista a titolo di spese di istruttoria  della pratica ed altre somme più ingenti all'ottenimento del permesso di soggiorno. L’inchiesta, ha interessato molte più persone di quelle che alla fine hanno avuto notificato l’avviso di conclusione degli indagini dalla Procura.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa