WHATSAPP: 349 88 18 870

C'è poca acqua

C'è poca acqua negli invasi

E’ di appena 18 milioni di metri cubi l’acqua invasata nelle dighe del comprensorio

C'è poca acqua negli invasi

“Ad oggi l’acqua invasata nelle dighe del comprensorio agricolo di Ribera è di superiore ai  18 milioni di metri cubi. Non è sufficiente per irrigare decine e decine di migliaia di ettari di frutteto nelle valli dei fumi Verdura, Magazzolo e Platani nel corso della prossima estate e per questo nei giorni scorsi abbiamo chiesto un incontro di verifica ai dirigenti del consorzio di bonifica Agrigento 3”. A lanciare l’allarme è Giovanni Caruana, responsabile di zona dell’organizzazione professionale della Cia, invita ad invasare quanta più acqua possibile nei laghi. Le cifre sull’acqua invasata vengono fornite dal direttore generale del consorzio di bonifica Agrigento 3 ing. Pieralberto Guarino il quale ha precisato che alla fine del mese di gennaio la diga Castello di Bivona conteneva 13,5 milioni di metri cubi d’acqua a fronte di una capacità di 20-21 milioni, che la diga “Raia” di Prizzi ha appena 3,2 milioni di metri cubi cioè meno della metà di quant’acqua può contenere se piena, circa 8 milioni di metri cubi, che il laghetto Gorgo di Montallegro presenta appena 500 mila metri cubi rispetto al milione di metri cubi della sua capacità e infine lo stesso si può dire del mezzo milione di metri cubi invasati nella traversa di Gammauta di Palazzo Adriano che è un piccolo bacino con acqua da trasferimento.

“Ad oggi la situazione non è allarmante – ha detto l’ing. Gaurino – ma se nei mesi di febbraio e di marzo non dovessero esserci delle piogge allora l’acqua oggi invasata non potrebbe bastare per l’irrigazione dei frutteti del vasto territorio riberese. Sia le dighe Raia di Prizzi e Castello di Bivona hanno bisogno di invasare ancora almeno 8-10 milioni di metri cubi d’acqua per assicurare agli agricoltori un’estate irrigua tranquilla”.

Non dovrebbero avere problemi invece le aziende agricole della Valle del Belice e i territori dei centri di Menfi, Santa Margfherita Belice, Montevago, Sambuca di Sicilia e in parte anche di Sciacca perché la diga Arancio-Carboj è piena con 26,6 milioni di metri cubi d’acqua, come al limite è la diga Garcia, nel palermitano, oggi a 64 milioni di metri cubi, la cui acqua viene anche utilizzata per l’irrigazione nei territori delle province di Trapani e in parte di Agrigento.

      

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa