WHATSAPP: 349 88 18 870

Riprendono le demolizioni

Riprendono le demolizioni di immobili abusivi

Il primo intervento è previsto per lunedì 22 febbraio prossimo

Riprendono le demolizioni di immobili abusivi

Il prossimo 22 febbraio ci sarà la ripresa delle operazioni di abbattimento degli immobili abusivi all'interno delle zone A e B del Parco archeologico. Dopo un lungo periodo di silenzio servito soprattutto agli uffici a fare il punto sulle procedure da seguire rispetto agli aspetti burocratici ed economici, adesso sembra che tutto sia pronto per un nuovo “via libera” alle ruspe. Al momento, comunque, pare il Comune non abbia una lista complessiva perché, appunto, sarà prima necessario spendere i fondi residui del precedente appalto per poi procedere all'utilizzo delle restanti somme stanziate con il bilancio di previsione 2015 a fine dicembre scorso. Tra le struttura da destinare all'abbattimento, oltre a piccoli interventi di “bonifica”, come l'eliminazione di muretti o la pulizia di terreni vi sarebbe però anche la demolizione di una casa nella zona di Poggio Muscello attualmente abitata da un nucleo familiare completo la quale avrebbe ricevuto solo nei giorni scorsi il decreto di demolizione come un vero e proprio “fulmine a ciel sereno”.

La discontinuità negli interventi di demolizione fra una demolizione e un'altra, rimarrà invariata in futuro. Questo perché il Comune, come noto, non è di certo nelle condizioni per affrontare un impegno economico di questa portata, per quanto, ha ribadito la Regione in più occasioni, la competenza, tecnica ed economica, rimane in carico ai Municipi. In tal senso Palazzo dei Giganti sta tentando di affrontare la questione in sede al tribunale amministrativo regionale, senza, però, attualmente avere notizie del proprio ricorso.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa