home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Mafia a Paternò, azzerato il clan Assinnata

Mafia a Paternò, azzerato il clan Assinnata In manette anche padre del ragazzo dell' «inchino»

Davanti casa del boss (arrestato) la "sosta" di Santa Barbara VIDEO

Quattordici persone ritenute appartenenti al clan Assinnata di Paternò, collegato con Il clan Santapaola, sono state arrestate in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emesso dal Gip di Catania, su richiesta della locale Dda della Procura della Repubblica. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, estorsione e traffico di droga.

Tra i destinatari del provvedimento, eseguito da carabinieri, c'è il padre del ragazzo al quale il 3 dicembre scorso, durante i festeggiamenti di Santa Barbara, Patrona di Paternò, alcuni portatori dei cerei votivi fecero un inchino reverenziale davanti la sua abitazione.

L'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura di Catania, denominata 'The end', che ha coordinato le indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò, ha permesso di ricostruire le dinamiche criminali che regolavano le condotte del gruppo e le modalità di gestione dei proventi illeciti, definirne la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli degli affiliati, nonché di ricostruire il volume degli affari illegali nel settore delle estorsioni.

Il doppio inchino avvenne il 2 dicembre del 2015 a Paternò davanti la casa di un noto esponente del clan Assinnata, mentre era detenuto. A omaggiare il boss, che abita vicino al Municipio, sarebbero stati due cerei mentre erano in processione per i festeggiamenti della Patrona Santa Barbara. L'episodio venne registrato, tra le 12.55 e le 13.20, da carabinieri della locale compagnia in servizio.

I portatori eseguirono a turno il classico "dondolamento" simulando un inchino riverenziale davanti al figlio del detenuto, dal quale si congedavano con il rituale bacio finale. I due cerei, il giorno dopo, furono "fermati" dal questore di Catania, Marcello Cardona, che, "su segnalazione del comando provinciale dei carabinieri, e su conforme orientamento del prefetto ha disposto il divieto di partecipare allo svolgimento delle manifestazioni religiose dei due comitati organizzativi" per la durata della festa, anche per la cosiddetta 'ottavà, del 12 dicembre. L'operazione è stata denominata The end

Questi i destinatari dell'ordinanza in carcere: Salvatore Assinnata, di 43 anni, Andrea Di Fazio, di 28 (il provvedimento prevede gli arresti domiciliari), Angelo Di Fazio, di 25, Giuseppe Fioretto, di 34, Giuseppe Fusto, di 49, Andrea Giacoponello, di 43, e Giuseppe Parenti, di 33. I carabinieri hanno invece arrestato: Benedetto Beato, di 33 anni, Daniele Beato, di 30, Mario Leonardi, di 33, Salvatore Mannino, di 29, Rosario Oliveri, di 28, Maria Cinzia Pellegriti, di 43, e Luca Vespucci, di 32. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa