home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, quel campo di Monte Po abbandonato al degrado

Catania, quel campo di Monte Po abbandonato al degrado

Da una parte il terreno in terra battuta, dall’altra l’area di rigore e tutto lo spiazzo dietro la porta con l’erba talmente alta che si rischia di non trovare più il pallone. In mezzo, una tribuna inagibile da anni e un intero quartiere che chiede di rivalutare il rettangolo di gioco di via Filippo Eredia

Da una parte il terreno in terra battuta, dall’altra l’area di rigore e tutto lo spiazzo dietro la porta con l’erba talmente alta che si rischia di non trovare più il pallone. In mezzo, una tribuna inagibile da anni e un intero quartiere che chiede di rivalutare il rettangolo di gioco di via Filippo Eredia. “A.a.a. campo di calcio cercasi” perchè questo quartiere ha già troppi impianti da riqualificare e la presenza, a poche decine di metri, del PalaNesima rischia di trasformarsi in una vicinanza molto “ingombrante”.

“Da anni stiamo lavorando per riqualificare una vasta che comprende pure il parcheggio scambiatore- afferma Orazio Serrano, presidente della V municipalità-. Il sopralluogo di oggi nasce dalle segnalazioni, raccolte dal sottoscritto, da parte della commissione municipale allo Sport. Componenti che hanno ampiamente relazionato sulle difficili condizioni dell’impianto. Il rischio è che le società di terza categoria Figc non possano più utilizzare il campo. Una possibilità che, con la collaborazione di Palazzo degli Elefanti, vogliamo scongiurare in tutti i modi”.

Da anni le parte di ovest di Nesima, al confine con la frazione misterbianchese di Lineri, è finita nel mirino dei ladri di rame e di ferro. Lampioni che non funzionano, ringhiere sparite e grate rubate qui rappresentano la norma. A farne le spese, in tutto questo tempo, è sopratutto il Palanesima. Consiglio di quartiere e associazioni vogliono così combattere il degrado attraverso lo sport. Partecipazione e aggregazione dei ragazzi con l’impianto di via Eredia al centro del progetto sociale. Naturalmente- dicono i partecipanti- serve un campo di calcio in perfette condizioni senza giungle di sterpaglie ad invadere l’area di rigore e con una tribuna dove la gente possa assistere alle partite.

 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa