home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Collettore dei Ciclopi, qualcosa si muove

Collettore dei Ciclopi, qualcosa si muove

Collettore dei Ciclopi, qualcosa si muove

Collettore dei Ciclopi, finalmente qualcosa si muove. Un tavolo tecnico al Municipio di Aci Castello - invitati i sindaci di Aci Castello, Catania, Acireale, Aci Catena e le aziende responsabili del gas, dell’acqua, della luce, dei telefoni e di tutto quel che si potrà incontrare nel corso dei lavori del collettore dei reflui fognari - farà il punto della situazione e pare che i lavori possano avanzare senza intoppi burocratici e quindi finalmente iniziare. Il sindaco castellese Filippo Drago non osa più sbilanciarsi sul “via” ufficiale, ma (rifacendosi a una vecchia litania) corre voce che “prima che spiri maggio” i lavori dovrebbero essere iniziati dando vita, nel tratto fra Capomulini e via Policastro di Ognina, agli scavi e alle conseguenti interruzioni al traffico che faranno magari nascere altre lamentele ma comunque “digeribili” rispetto a quelle derivate da ritardi burocratici incredibilmente lunghi, anche perché legate a un’opera importante per la costa tutta.

 

Nel gennaio 2004 è cominciato l’iter realizzativo del collettore dei reflui - al posto delle condotte sottomarine (un miraggio durato almeno un quarto di secolo) - che, legandosi al Vecchio Allacciante di Catania, dovrà portare i reflui della della Riviera dei Ciclopi non più verso le acque attorno a Castello e Faraglioni ma al depuratore di Pantano d’Arci, alla zona industriale.

 

Abbiamo seguito con attenzione negli anni l’iter e ci conforta pensare che il tavolo tecnico di venerdì prossimo è organizzato dal Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti per accelerare i tempi d’esecuzione dei lavori in corso d’affidamento, coinvolgendo gli Enti e le società gestori dei servizi pubblici per eventuali interferenze con i sottoservizi esistenti. Questo studio era stato condotto già nel 2011, ma i cinque anni di ritardo nell’avvio dei lavori suggeriscono di aggiornare le informazioni, anche se il progetto non deve essere più riapprovato.

 

Responsabile unico del procedimento è il dott. Salvo Puccio e ci conforta che, nel rammentare l’importanza dell’opera per il risanamento ambientale e per la riqualificazione del territorio, fermi anche l’attenzione «sull’avvicinarsi della stagione estiva», come monito per accelerare l’intervento.

 


In verità abbiamo osservato come, indipendentemente dagli scarichi, durante la stagione invernale le acque lungo la costa sono tornate alla pulizia e alla limpidezza tradizionale; ciò invita tutti a riflettere su quanto viene scaricato in mare nella stagione estiva, fuori dalla portata di eventuali “collettori”, e a correre ai ripari.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa